Lascia Catania e “forma” delle community in Portogallo: la storia di Cristian La Spina

Lascia Catania e “forma” delle community in Portogallo: la storia di Cristian La Spina

MONDO – La Sicilia ha sempre avuto nei suoi talenti una risorsa imprescindibile, probabilmente ancor di più se si parla di coloro che vanno via dall’isola per andare altrove.

Uno di questi casi è Cristian La Spina, giovane catanese, che grazie anche ai suoi studi accademici e alle sue esperienze di vita, ha avuto modo di lavorare ed esplorare moltissime nazioni europee ed extraeuropee, ma poi è riuscito a stabilirsi maggiormente a Lisbona, in Portogallo.

Chi è Cristian La Spina

Cristian La Spina è un giovane catanese laureato all’Università degli Studi di Catania in Storia Politica e Relazioni Internazionali e specializzato in Internazionalizzazione delle relazioni commerciali e, grazie agli ambiti disciplinari accademici ricevuti, ha avuto l’opportunità di poter realizzare quattro Erasmus intorno ai tre mesi a testa di durata, in altrettante capitali europee: Berlino, Bucarest, Vilnius e Lisbona.

Queste esperienze cosmopolite lo hanno portato a vivere mondi diversi su tutti gli aspetti settoriali toccati, lo hanno fatto crescere moltissimo, sia su un piano culturale e professionale, sia soprattutto su un piano della risorsa umana.

Il Ponte 25 aprile, uno dei simboli di Lisbona e del Portogallo

L’esperienza portoghese

A differenza degli altri principali viaggi compiuti in Germania, Romania e Lituania, la storia di Cristian prende una “piega diversa” in Portogallo.



Proprio qui ha iniziato con nove mesi di prova in un’importante azienda, che ha base nella capitale portoghese, e poi si è trasferito definitivamente. Come aggiunge La Spina stesso, Lisbona ha svariate caratteristiche affini alla Sicilia e all’Italia meridionale in generale, su quasi tutti i punti di vista, anche se dopo un po’ di tempo egli ha deciso di trasferirsi a Sintra, importante città non lontana dalla capitale.

Cristian racconta che comunque frequenta ancora Lisbona, facendo riferimento anche all’organizzazione di iniziative per i molti cittadini originari dell’Italia presenti nell’area metropolitana lisbonese, lavorando molto sull’aspetto contestuale social, con alcuni gruppi presenti sulle piattaforme Facebook e Whatsapp, con numeri, in qualche occasione, che si aggirano intorno ai diecimila iscritti e o partecipanti.

Una visione di Sintra

Un momento conviviale di cittadini italiani presenti a Lisbona

Le parole di Cristian La Spina

Cristian La Spina svolge una riflessione su questi tre anni trascorsi di esperienza:

Come oggi, tre anni fa esatti scrivevo questo: generalmente la mia permanenza all’estero non si è mai protratta oltre i tre mesi… Giusto il tempo di imparare qualcosa di nuovo, farne tesoro e rispenderla altrove. Nuove esperienze, nuove avventure… Stavolta sono già passati i tre fatidici mesi da quando ho lasciato la mia amata terra, Catania. Qui a Lisbona mi trovo a casa, da più di due mesi lavoro con gratificazione, quella che spesso non ho avuto altrove, e sono fortunato. Tutto ciò che ho, dicendo grazie a chi ho incontrato in questi anni, l’ho guadagnato da solo. Dico grazie a chi ha creduto in me e a chi ha deciso di investire nella mia persona durante questo periodo assai duro per tutti. Mai avere paura, mai abbattersi. Abbiate sempre il coraggio di andare avanti“.