Nei guai un noto imprenditore palermitano: non ha dichiarato 1,2 milioni di euro di ricavi

Nei guai un noto imprenditore palermitano: non ha dichiarato 1,2 milioni di euro di ricavi

PALERMO – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Palermo, hanno eseguito un’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Palermo nei confronti di un noto imprenditore palermitano operante nel settore dell’edilizia. L’uomo è stato attinto dal divieto di esercitare attività d’impresa per un anno.

Noto imprenditore palermitano nel mirino della Finanza

I militari, nonostante l’occultamento della documentazione contabile della società dedita alla fornitura di macchinari edilizi, sono riusciti a ricostruire il giro di affari dell’imprenditore, constatando oltre 1.200.000 euro di ricavi non dichiarati.

Grazie alle indagini condotte dalle Fiamme Gialle, il G.I.P. del Tribunale di Palermo ha emesso il provvedimento interdittivo che è stato notificato sia all’indagato sia alla locale Camera di Commercio di Palermo.



Il sequestro di beni

Vietato all’imprenditore di esercitare attività di impresa per un anno; fra l’altro il giudice, accogliendo le proposte della locale Procura, ha disposto il sequestro di beni sino alla concorrenza dell’imposta evasa pari a 215.699,80 euro.

Le operazioni di sequestro hanno consentito di assicurare, in attesa del provvedimento di confisca, l’intero complesso aziendale.

I beni finiti nel mirino del sequestro, sono:

  • cinque veicoli speciali
  • due piattaforme semoventi
  • due autoveicoli
  • un ciclomotore
  • disponibilità finanziarie presenti sui conti correnti.