A Spazio Bis gran finale di stagione e numerosi applausi per “L’importanza di chiamarsi Ernesto” della Compagnia Buio in Sala

A Spazio Bis gran finale di stagione e numerosi applausi per “L’importanza di chiamarsi Ernesto” della Compagnia Buio in Sala

CATANIA – Ripetuti e fragorosi applausi per tutte le sere di programmazione da parte del pubblico presente per “L’importanza di chiamarsi Ernesto”, lo spettacolo di chiusura della fortunata ed apprezzata stagione “Classici Sguardi” della Compagnia Buio in Sala, fondata e diretta da Massimo Giustolisi e Giuseppe Bisicchia insieme a Silvana D’Anca e Giovanna Sesto.



Nel cortile dell’Istituto Leonardo Da Vinci, sede della sala teatrale Spazio Bis all’interno della scuola d’arte di Buio in Sala, è andato in scena, per mano dell’attenta regia di Giuseppe Bisicchia e Massimo Giustolisi, una particolare rilettura del più bel testo di Oscar Wilde, ambientato all’interno delle atmosfere del teatro di varietà degli anni venti.
Una curata commedia musicale, che con le coreografie di Giorgia Torrisi e Martina Caruso e le musiche originali del musicista abruzzese Ettore D’Agostino, ha coinvolto il numeroso pubblico tra le passioni, idee ed anche manie dei protagonisti diventati dei classici tipi da rivista che con ironia e realismo hanno raccontato pregi e difetti della società legati alla forma e all’apparenza.
Massimo Giustolisi insieme all’ottimo ed affiatato cast composto da  Marina La Placa, Irene Tetto, Daniele Virzì
Silvana D’Anca, Giovanna Sesto, Leonardo Monaco, Federica Fischetti, Giada Romano e gli allievi dei Corsi Avanzati Classi 2°A e 2°B di Buio in Sala hanno divertito ed appassionato i presenti giocando sul significato simbolico del termine “Earnest” (onesto) che in inglese ha la stessa pronuncia del nome proprio “Ernest” con giocosa ilarità unita ad un sano pizzico di sarcasmo, capace di sfruttare la genialità e l’universalità del testo di Oscar Wilde fino a renderlo estremamente moderno ed attuale sino ai nostri giorni.