Ordinanza Musumeci in Sicilia, ridotta la capienza dei mezzi di trasporto: Lo Schiavo (Fast Confsal) apprezza

Ordinanza Musumeci in Sicilia, ridotta la capienza dei mezzi di trasporto: Lo Schiavo (Fast Confsal) apprezza

Ordinanza Musumeci in Sicilia, ridotta la capienza dei mezzi di trasporto: Lo Schiavo (Fast Confsal) apprezza

PALERMO –L’ordinanza che il Presidente Musumeci ha firmato, per quanto ci riguarda, come sindacato dei Trasporti, è opportuna e lungimirante in quanto prevede misure di contenimento per evitare il diffondersi del Covid-19 nei mezzi del trasporto pubblico locale, ferroviario e marittimo“, lo dichiara Giovanni Lo Schiavo, segretario regionale Fast/Confsal Sicilia, in merito all’ultimo Dpcm regionale firmato dal governatore Musumeci e che, tra le tante misure e oltre al coprifuoco notturno, prevede il dimezzamento nei posti all’interno dei mezzi pubblici.


Il dimezzamento dell’utilizzo dei posti passeggeri, (rispetto all’attuale 80%) – prosegue Lo Schiavo – tende a salvaguardare la salute pubblica e con essa quella di tutti gli operatori del comparto dei trasporti con pari riferimento agli autisti del trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano e dei lavoratori che svolgono la propria attività lavorativa nel settore Ferroviario e Marittimo“.

Già da tempo e in diverse occasioni, con l’aumentare dei contagi, crescendo la preoccupazione di quanti utilizzano a vario titolo bus, metropolitane e treni e degli stessi operatori del settore, Fast Confsal Sicilia non ha perduto occasione per stigmatizzare la questione del distanziamento nei mezzi pubblici di trasporto, nonché, l’implementazione della frequenza delle corse“, dichiara orgogliosamente il segretario generale.


Negli autobus, per esempio, – conclude – il problema è l’affollamento con un distanziamento pressoché inesistente, dove talvolta, i mezzi, non sono dotati di ricircolo d’aria e condizionamento“.

Immagine di repertorio