Atti persecutori nei confronti della fidanzata minorenne, in carcere un 19enne

Atti persecutori nei confronti della fidanzata minorenne, in carcere un 19enne

MILAZZO – Il personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Milazzo (Messina) ieri ha dato esecuzione all’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto di applicazione della misura cautelare in carcere, a carico di un 19enne residente a Milazzo, indagato per atti persecutori ai danni della fidanzata minorenne.

Il giovane è accusato di aver compiuto, con minacce e molestie determinate dall’ossessiva gelosia, atti persecutori nei confronti della giovane, causandole un grave stato d’ansia, tanto da costringerla a cambiare le proprie abitudini di vita.

In particolare, pare che attuasse nei confronti della fidanzata atteggiamenti prevaricatori e aggressivi, tali da impedirle di condurre una vita sociale consona alla sua età, vietandone anche la frequentazione con le amiche.

Stazionava in più occasioni sotto l’abitazione della stessa per controllarne gli spostamenti: la “tormentava” con innumerevoli messaggi e chiamate a tutte le ore del giorno e della notte, nonostante i ripetuti rifiuti della vittima.



Il provvedimento restrittivo trae origine dalla denuncia sporta dai genitori della minorenne, i quali – dopo essersi accorto del rapporto “malato” tra indagato e la loro figlia – si sono rivolti alle Forze
dell’Ordine.

Le successive indagini svolte dagli agenti hanno confermato quanto riferito dalla famiglia della vittima: un contesto di sottomissione della giovane alle volontà del fidanzato.

Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato pertanto associato, in regime di custodia cautelare, nel carcere di Barcellona Pozzo di Gotto dove rimarrà a disposizione dell’autorità giudiziaria.