Il Catania è vivo, primo successo del 2022: Turris stesa 1-3 al “Liguori”

Il Catania è vivo, primo successo del 2022: Turris stesa 1-3 al “Liguori”

CATANIA – Il nuovo Catania post pausa-Covid sembra aver preso la sua forma. Dopo la quasi vittoria col Bari, il passo falso casalingo contro il Catanzaro e il pari netto contro la Fidelis Andria, ieri pomeriggio è arrivata una vittoria che potrebbe dare una forma concreta alla squadra di Baldini, con un meritato 1-3 sul difficile campo della Turris.

Un successo che fa ben sperare e che porta punti pesantissimi per la classifica degli etnei, che salgono a quota 29.


Primo tempo gradevole e arrembante da parte dei rossazzurri che sfiorano il gol più volte con la clamorosa traversa colpita da Albertini e la mischia in area dove gli etnei non riescono a insaccare. Anche la Turris fa la sua gara e, nell’unico svarione difensivo del Catania, va vicino alla rete con Leonetti che, a tu per tu con Sala, manda “alle stelle” il pallone del possibile 1-0.

Nella ripresa gli etnei sono più in palla e la verve esce fuori al minuto 53′ quando Moro, palla al piede, serve libero Albertini che con un tocco sotto batte il portiere di casa Perina: gol che vale l’1-0 per il Catania. I corallini rispondono con “timide” conclusioni che, però, non impensieriscono Sala. Tra queste la punizione di Giannone che al 60′ si spegne sul fondo.

La supremazia dei rossazzurri viene premiata al 62‘: fallo su Biondi con espulsione del giocatore della Turris Tascone per doppio giallo, al 63′ Moro insacca con un perentorio colpo di testa grazie all’assist su punizione da parte di Pinto “pennellata” perfettamente, ed è 2-0 . Un uno-due micidiale degli etnei che in 10 minuti hanno fatto loro il match.

La gara sembra chiusa, ma ad inizio recupero la Turris la riapre: al 91‘ arriva la rete di Ghislandi che, dopo la conclusione dal limite di Nunziante, approfitta della respinta “difettosa” di Sala e insacca da due passi il gol dell’ 1-2 nell’unico vero momento di distrazione del Catania in tutti i 90 minuti.

Il Catania però non si fa mettere sotto e, con un clima rovente sulle panchine, la chiude: lungo lancio di Sala verso l’area di rigore dei Campani con il difensore Manzi che svirgola la sfera regalandola a Zanchi il quale, “glaciale”, batte Perina per il definitivo 1-3. Appena entrato il terzino rossazzurro sommerso dalla panchina in festa e con questa azione si chiude la partita.

Un Catania che vince e convince, tre punti e sicurezza per la ricerca di quella continuità che Francesco Baldini cerca da diverse gare. L’ultimo successo esterno risaliva al 24 ottobre scorso contro il Monterosi Tuscia (1-4). Rossazzurri che subiscono anche meno, questa può essere una base su cui ripartire.

Fonte Foto: calciocatania.it