Frode all’Erario, Stato e UE da parte di un imprenditore di Marsala: sequestro per oltre 8 milioni di euro

Frode all’Erario, Stato e UE da parte di un imprenditore di Marsala: sequestro per oltre 8 milioni di euro

MARSALA – In data odierna, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo emesso dal presidente del tribunale di Marsala, dottore Lorenzo Chiaramonte, su conforme richiesta della Procura della Repubblica del Tribunale di Marsala, militari del comando provinciale di Trapani hanno proceduto a vincolare risorse finanziarie, terreni, beni mobili registrati e immobili di proprietà di Michele Angelo Licata, marsalese 58enne, nonché dei familiari di quest’ultimo (la moglie, le 3 figlie e il genero) per un valore complessivo di oltre 8 milioni di euro.

Si tratta del sequestro finalizzato alla confisca disposto dal Tribunale di Marsala contestualmente alla condanna inflitta al 58enne, alla moglie, alle 3 figlie e al genero lo scorso 18 marzo 2021.


L’esecuzione di tale sequestro costituisce l’epilogo di una lunga e articolata vicenda giudiziaria che ha coinvolto il noto imprenditore marsalese inizialmente per una serie di gravi e reiterate condotte di frode fiscale e di truffa aggravata per il conseguimento di finanziamenti comunitari e successivamente reati ascrittigli dall’autorità giudiziaria sulla base delle fonti di prova acquisite a suo tempo dai militari in forza al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trapani.

In particolare i finanzieri, dopo aver svolto nel biennio 2014-15 numerose e articolate attività ispettive nei confronti delle società amministrate, “di diritto” e “di fatto”, dall’imprenditore stesso operanti nell’ambito della ristorazione, del banqueting, dell’intrattenimento e del settore turistico-alberghiero, erano giunti a individuare e quantificare precisamente il vorticoso volume d’affari generato dalla fatture false che il 58enne, da anni, utilizzava nella propria attività, pari a oltre 25 milioni di euro.

Tali accertamenti avevano, inoltre, consentito di qualificare l’evasione fiscale così rilevata in capo alle società dell’imprenditore e del proprio nucleo familiare, in particolare alla ROOF GARDEN, alla RUBI e alla DELFINO S.r.l., come finalizzata, oltre che all’abbattimento della base imponibile, alla artificiosa creazione dei presupposti di ammissione alle provvidenze comunitarie stanziate per il comparto turistico-alberghiero.

Tale fondamentale presa d’atto si rilevò idonea a motivare la successiva adozione da parte dell’autorità giudiziaria di Marsala, oltre che del provvedimento di sequestro preventivo del compendio aziendale amministrato dall’imprenditore, della misura di prevenzione patrimoniale a suo carico quale soggetto “fiscalmente pericoloso”, in quanto tendenzialmente dèdito alla commissione di frodi ai danni dell’Erario, dello Stato e dell’Unione Europea.

L’esecuzione di entrambe le misure ablative nei confronti del 58enne rappresentò così oggettivamente un unicum a livello regionale e dimostrò l’efficacia degli strumenti di contrasto agli schemi ripetuti di comportamenti fraudolenti di così marcata offensività.

Le successive attività d’indagine, in parte delegate dall’autorità giudiziaria di Marsala alla compagnia della Guardia di Finanza a quella sede, hanno poi consentito di rilevare come l’imprenditore fosse inoltre riuscito a gestire in modo illecito anche i proventi dei reati contestatigli, con l’intento di sottrarsi, oltre che al pagamento di ulteriori imposte dovute, anche all’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale eseguita nei suoi confronti.

In particolare, specie attraverso l’utilizzo spasmodico di contanti e assegni circolari, nel corso di una sola perquisizione domiciliare i militari in forza al Nucleo ne sequestrarono per oltre un milione di euro, l’imprenditore marsalese era riuscito ad appropriarsi indebitamente degli utili prodotti dalle proprie imprese ed a reimpiegarli, spesso servendosi di rapporti bancari intestati ai propri familiari, in una molteplicità di investimenti finanziari (prodotti e quote finanziarie).

L’analitica ricostruzione delle movimentazioni finanziarie ha consentito di rilevare l’entità delle somme riciclate e reimpiegate a esclusivo vantaggio dell’imprenditore e dei suoi familiari, consentendo all’autorità giudiziaria di richiederne e di ottenerne dal tribunale di Marsala il sequestro preventivo, oggi eseguito dalle Fiamme Gialle trapanesi.

Il raggiungimento di tale risultato conferma l’importante funzione di presidio della Guardia di Finanza a tutela degli imprenditori rispettosi delle regole del mercato, inserendosi nella linea strategica ugualmente tesa ad assicurare il recupero delle somme o dei beni, frutto, oggetto o provento di tali condotte illecite, tanto più biasimevoli in relazione all’attuale negativa congiuntura economica.