Cliente con bottiglia di vino dopo le 18, chiuso supermercato della catena “P&V”: “Abbiamo fatto ricorso al Tar”

Cliente con bottiglia di vino dopo le 18, chiuso supermercato della catena “P&V”: “Abbiamo fatto ricorso al Tar”

PALERMO – A seguito dell’ultima ordinanza del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che vieta la vendita di alcolici dopo le ore 18, sarebbe stata elevata una sanzione di 400 euro ai danni del supermercato della catena “Prezzemolo & Vitale”.

Degli uomini delle forze dell’ordine in borghese avrebbero sorpreso un avventore uscire dal supermercato con un alcolico, decidendo dunque di elevare la multa e chiudere l’esercizio commerciale per 5 giorni.


Attraverso un comunicato, la stessa catena di vendita sarebbe intervenuta sul caso: “In questo anno di emergenza sanitaria abbiamo lavorato in condizioni di grande difficoltà e abbiamo dovuto adeguarci a norme spesso giuste ma a volte anche assurde e cervellotiche. Abbiamo resistito e sopportato di tutto fino a pochi giorni fa, quando davanti all’ultima ordinanza del sindaco di Palermo – che vieta la vendita di alcolici dopo le 18 anche ai supermercati – abbiamo deciso di rivolgerci al Tar.

Prosegue: “Nonostante un ricorso pendente, ieri sera il nostro punto vendita di via Principe di Villafranca è stato chiuso e sanzionato perché un cliente è stato trovato all’uscita con una bottiglia di vino in mezzo a numerosi altri articoli, a dimostrazione che comunque aveva fatto una normalissima spesa e che non avrebbe certo stappato o brindato davanti al supermercato. Tutto questo è assurdo ma anche insopportabile per chi ogni giorno è costretto a fare ogni sforzo per tenere in piedi una attività. La nostra società, assistita dallo studio legale Palmigiano, aveva presentato sabato un ricorso urgente contro l’ordinanza del sindaco”.

“Riteniamo questo provvedimento illegittimo – spiega l’avvocato Alessandro Palmigiano, che segue l’azienda con i colleghi Ornella Sarcuto e Marco Cassata – perché davanti ai supermercati non si crea alcun assembramento. Nessuno ha mai aperto una bottiglia nei paraggi di un punto vendita Prezzemolo & Vitale. Per di più il Comune, se ciò accadesse, dovrebbe sanzionare chi lo fa e non far gravare sui commercianti la sua incapacità di controllare”.

“Sotto un profilo tecnico, il provvedimento del Sindaco sconfina in ambiti che non competono al Comune. La questione delle aperture e delle chiusure, ma anche dell’asporto e della somministrazione o vendita di alcol sono disciplinate a livello nazionale da norme che si allacciano alle fasce di colore. Questa intraprendenza e incoerenza a livello locale crea solo un cortocircuito tra istituzioni e un danno economico agli operatori e alle attività commerciali, già massacrati da più di un anno di chiusure a singhiozzo e di divieti comunicati spesso poche ore prima dell’entrata in vigore”, conclude.

Immagine di repertorio