Droga al “Fortino” con disturbatori e bambini per non farsi scoprire: a processo i pusher

Droga al “Fortino” con disturbatori e bambini per non farsi scoprire: a processo i pusher

FAVARA – Una vera e propria rete di spaccio con modus operandi precisi e “inattaccabili“: questo il focus dell’operazione “Fortino” messa in atto dalle forze dell’ordine lo scorso 4 luglio e proseguita, adesso, con una citazione diretta a giudizio per gli arrestati.

Durante il blitz sono stati fermati:



  • Emanuele Di Dio di 41 anni;
  • Salvatore Stagno di 46 anni;
  • Rosario Crapa di 30 anni,
  • Massimo Crapa di 45 anni;
  • Alessandra Falsone di 39 anni;
  • Abass Bukary di 25 anni.

La banda spacciava hashish ed eroina a Favara (Agrigento), precisamente nella zona del “Fortino” – da qui trae origine il nome dell’operazione – e, pur di non essere scoperta dalle forze dell’ordine, pare utilizzasse trucchetti e stratagemmi come disturbatori di frequenze e “comparse” interpretate da bambini.

Sul banco degli imputati, dunque, tutti gli indagati. La prima udienza si svolgerà il prossimo 8 gennaio.