Tromba d’aria a Pantelleria, ecco come si è formato il “vortice della morte”: la ricostruzione della Protezione civile

Tromba d’aria a Pantelleria, ecco come si è formato il “vortice della morte”: la ricostruzione della Protezione civile

PANTELLERIA – Non si placa il dolore a Pantelleria per la morte di Giovanni Errera e Francesco Valenza, le due vittime della tremenda tromba d’aria che ha investito in pieno l’isola siciliana.

Nelle scorse ore le salme delle due persone che hanno perso la vita sono state portate nell’obitorio del locale ospedale, mentre sono ancora in corso le ricerche da parte di volontari della Protezione civile, vigili del fuoco, carabinieri e tecnici comunali per rintracciare eventuali dispersi e scongiurare altre situazioni di pericolo.


Nel frattempo, proprio la Protezione civile regionale, attraverso un post pubblicato sulla propria pagina Facebook ufficiale, ha reso nota una prima ricostruzione di quanto avvenuto ieri sera, intorno alle ore 19,30.

Secondo gli esperti, il fenomeno meteorologico si sarebbe formato in mare, al largo della costa nord-est di Pantelleria. In seguito, la tromba d’aria si sarebbe spostata in direzione dell’isola, penetrando nella terraferma per un centinaio di metri.

Qui avrebbe colpito in pieno le due vittime che si trovavano a poca distanza dalla costa, coinvolgendo anche numerose auto e provocando il ferimento di altre nove persone (quattro attualmente in gravi condizioni).

Fonte foto: Screenshot video Facebook – Regione Siciliana – Dipartimento Regionale della Protezione Civile