Pesante sconfitta per il Messina: allo Zaccheria termina 3-0

Pesante sconfitta per il Messina: allo Zaccheria termina 3-0

MESSINA – Al Pino Zaccheria di Foggia, il Messina non riesce a ripetere la bella prova di sabato scorso, regge un tempo e poi crolla sotto i colpi della corazzata Foggia con un secco 3-0. 

Stroppa schiera un 4-3-3 con Guarna tra i pali, Loiacono, Martinelli, Coletti e Rubin in difesa, Agnelli, Agazzi e Deli a centrocampo, Chiricò, Mazzeo e Miguel Angel in attacco. Lucarelli, reduce dalla bella vittoria contro la Juve Stabia, ma orfano di Pozzebon, risponde con un 4-3-1-2 con Berardi tra i pali, De Vito, Bruno, Rea e Grifoni in difesa, Sanseverino, Musacci e Mancini a centrocampo, Mlinkovic trequartista alle spalle delle due punte, i nuovi arrivati Da Silva e Anastasi. Arbitra il signor Andrea Zingarelli di Siena.

Il match si ravviva al 9′ con un tiro da fuori area di Chiricò, ma Berardi mette in corner. Un minuto dopo viene ammonito Loiacono per aver fermato fallosamente una ripartenza degli ospiti. Al 16′ Agnelli spreca malamente un assist di Mazzeo. Al 20′ prima palla gol per gli ospiti: liscio di Coletti, Milinkovic ne approfitta e serve Anastasi che fa sponda e costringe un difensore a deviare in corner. Al 23′ di nuovo il Foggia con un pallonetto di Mazzeo neutralizzato da Berardi che subisce fallo da Chiricò. Al 28′ Grifoni rimane a terra dolorante, entrano i sanitari e così avviene il primo cambio della partita con Palumbo che prende il suo posto. Al 32′ ci prova per i padroni di casa Martinelli da fuori area, ma la palla finisce alta. Al 37′ Milinkovic scatta dopo un altro errore di Coletti, serve Anastasi che tira, ma Guarna compie un miracolo. Tre minuti più tardi Milinkovic giostra un contropiede e spara fuori. Al 43′ viene ammonito Bruno per fallo su Miguel Angel. Nei due minuti di recupero, doverosi per il tempo perso a causa dell’infortunio di Grifoni, viene ammonito Milinkovic. Il primo tempo si conclude sul risultato di 0-0 con il Foggia a fare la partita e il Messina pronto ad agire di rimessa.

La seconda frazione inizia con gli stessi ventidue giocatori della prima. Al 51′ Martinelli anticipa Anastasi lanciato a rete, mentre un minuto dopo Coletti colpisce la traversa deviando di testa un corner. Al 55′ ci prova Agazzi con un tiro dalla trequarti, ma Berardi blocca senza problemi. Gli sforzi dei padroni di casa vengono premiati: al 57′ Rubin crossa a centro area per Mazzeo che devia alla spalle di Berardi. 1-0. Lucarelli toglie Da Silva e inserisce Madonia, ma servirà a poco perché al 59′ arriva subitaneo il raddoppio del Foggia: Mazzeo serve Deli che dribbla un avversario e spedisce la palla alle spalle di Berardi. 2-0 e partita che sembra ormai chiusa. A questo punto Stroppa effettua il primo cambio inserendo Gerbo al posto di Rubin. Al 63′ viene ammonito Agnelli per un fallo a centrocampo. Due minuti più tardi il neo entrato Gerbo fallisce il gol sparando alto un assist di Chiricò. Al 66′ nuovo cambio per il Foggia con Di Piazza che prende il posto di Miguel Angel. Al 70′ Deli fallisce anche lui l’opportunità per il tris sparando alto, mentre un minuto dopo ultimo cambio per il Foggia con Sicurella che prende il posto di Agnelli. Al 72′ Madonia tira a botta sicura, ma Sicurella respinge in modo fortuito. Al 74′ ultimo cambio per il Messina con Ciccone che prende il posto di Mancini. Al 77′ il Foggia cala il tris: Deli crossa in mezzo all’area e Palumbo nel tentativo di spazzare via mette il pallone dentro la propria porta. 3-0. Il terzo gol innervosisce gli ospiti che rimangono al ’79 in dieci uomini per l’espulsione per proteste di Madonia. Ma seppur in dieci uomini il Messina prova a mettere a segno il gol della bandiera e ci pensa Guarna, deviando in angolo un tiro-cross di De Vito. Forte del vantaggio il Foggia addormenta la partita e nei quattro minuti di recupero non succede nulla di particolare. Allo Zaccheria il Foggia batte il Messina per 3-0.

Brutta sconfitta per gli uomini di Lucarelli che dopo aver retto per un tempo, sono crollati con l’uno-due micidiale Mazzeo-Deli e con l’autogol di Palumbo. Il Foggia, con questa vittoria continua invece la sua lotta per la promozione diretta.      

 

Commenti