Sicilia, stop al petrolio dalla Russia. Miccichè: “Non siamo in condizione di reggere”

Sicilia, stop al petrolio dalla Russia. Miccichè: “Non siamo in condizione di reggere”

PALERMO – “Le decisioni assunte questa notte in Europa sullo stop al petrolio russo trasportato via mare, provocherà, se non si interviene immediatamente, conseguenze gravissime sull’occupazione in tutta l’area del petrolchimico siracusano e sull’economia siciliana, lo scrive in una nota il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, in merito agli ultimi aggiornamenti sull’embargo del petrolio russo e sui rischi in cui incorre la nostra intera economia.

“Sono al fianco di Stefania Prestigiacomo – aggiunge Miccichè – che questa mattina ha lanciato per prima l’allarme, conoscendo profondamente le dinamiche di un’area strategica dell’Isola, che contribuisce a raffinare il 20% del prodotto nazionale e il 18% dell’energia elettrica della Sicilia. Non è possibile che si assuma, senza aver previsto una alternativa tecnico-politica, una decisione che rischia di rappresentare la smobilitazione del più grande polo di raffinazione italiano, che occupa migliaia di addetti”.


“La Sicilia – prosegue – non è in condizione di reggere la decapitazione di una filiera produttiva per una scelta al buio del Governo”.

“Il Premier Draghi – conclude Miccichè – conosce profondamente i meccanismi economici e la situazione degli approvvigionamenti energetici e penso che comprenda il potenziale di tensione sociale di una scelta gravemente penalizzante per la comunità siracusana. Lo invitiamo a fare presto chiarezza e verità”.

Foto di repertorio