Vertenza call center ITA, ancora incerto il destino dei 543 lavoratori di Covisian e Almaviva

Vertenza call center ITA, ancora incerto il destino dei 543 lavoratori di Covisian e Almaviva

PALERMO –Ad un mese esatto dalla sospensione del tavolo Ministeriale sulla vertenza del call center ITA Airways, con i licenziamenti di Covisian e Almaviva ancora aperti per i 543 lavoratori impiegati sulla commessa Ex Alitalia – dichiarano le Segreterie Territoriali SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, UGL TLCcontinua a regnare un silenzio inquietante e sconcertante da parte dei Ministeri coinvolti nella vicenda”.

Fra poco più di 30 giorni potrebbero scattare i licenziamenti in Covisian e poi a ruota quelli di Almaviva, il mancato accordo commerciale fra ITA e Covisian, il mancato rispetto delle regole e di una norma dello Stato, a causa di dinamiche di mercato malate e di logiche al ribasso, sta per essere scaricato sulla pelle di 543 famiglie fra Palermo e Rende”.


I lavoratori di Almaviva e Covisian – dichiarano le Segreterie Territoriali di categoria – in rispetto per le commemorazioni del 30° anniversario della Strage di Capaci, sospenderanno il presidio di protesta a Piazza Politeama per partecipare alle manifestazioni in memoria dei Giudici Falcone e Morvillo e della scorta, in nome della legalità”.

La protesta dei lavoratori riprenderà la prossima settimana anche con nuove iniziative di lotta“, concludono le Segreterie.

Foto di repertorio