Duplice rapina in una notte, tre giovani fuggono con il bottino ma vengono riconosciuti dalla vittima: in manette

Duplice rapina in una notte, tre giovani fuggono con il bottino ma vengono riconosciuti dalla vittima: in manette

PALERMO – I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo hanno arrestato tre giovani, fra cui un minorenne, ritenuti responsabili di rapina aggravata e porto di oggetti atti a offendere.

I militari sono intervenuti in piazza Don Bosco, dove un 30enne ha riferito di essere stato vittima di rapina da parte di tre persone e di cui uno armato di pistola che, a bordo di due monopattini, gli hanno intimato di consegnare, sotto la minaccia dell’arma, il denaro contante e il telefono cellulare.

I tre, messo a segno il colpo, sono fuggiti facendo perdere le proprie tracce. Immediate indagini e ricerche dei carabinieri hanno permesso di rintracciare, nei pressi di via Libertà, i presunti autori del fatto, in quanto questi sono stati notati e riconosciuti dalla stessa vittima, mentre faceva rientro a casa.



Gli uomini del Nucleo Radiomobile, durante la perquisizione hanno ritrovato il telefono cellulare del malcapitato, un coltello a serramanico, 3 passamontagna, un paio di guanti neri e una pistola a salve con caricatore contenente 4 cartucce.

Ulteriori accertamenti hanno permesso di ipotizzare che i medesimi presunti rei, nella stessa notte, in via Marchese di Roccaforte, avevano rapinato un altro giovane rubando – anche questa volta – un telefono cellulare e una banconota.

Gli arrestati, in attesa dell’udienza di convalida, sono stati portati in carcere.