Ancora pressione enorme sugli ospedali palermitani: “Serve lockdown di 15 giorni per frenare i contagi”

Ancora pressione enorme sugli ospedali palermitani: “Serve lockdown di 15 giorni per frenare i contagi”

PALERMO – Giornata molto intensa anche ieri nell’area di emergenza dell’ospedale ‘Cervello’ di Palermo, che con il presidio di Partinico e con l’area di emergenza del Civico di Palermo, si stanno rivelando gli ospedali più sotto pressione nella Sicilia occidentale.

Tantissimi codici rossi, con gravi insufficienze respiratorie – dice il direttore dell’area di emergenza del ‘Cervello’ Tiziana Maniscalchi -.


L’impegno sul fronte dei pazienti gravi rallenta il nostro lavoro su quelli meno gravi. Abbiamo lavorato tutta la giornata senza sosta raddoppiando i turni e costretti ovviamente a giornate interminabili“.

Tuttavia pare che gli accessi in area di emergenza siano in lieve calo: ieri sono stati oltre 40, sabato 50 e venerdì 68.

Stiamo notando una leggerissima flessione – spiega Maniscalchi – ma è troppo presto per ritenere che il virus sia in fase di contenimento. Certo il forte aumento dei contagi ci continua a preoccupare, così come la prossima riapertura delle scuole che inevitabilmente comportando assembramenti potrebbe determinare ulteriori contagi. Servono quindici giorni di stop, per frenare il galoppo dei contagi da Omicron“, conclude Maniscalchi.