“Non potete entrare nel reparto”, dottoressa aggredita da familiari di paziente Covid. Identificati gli autori

“Non potete entrare nel reparto”, dottoressa aggredita da familiari di paziente Covid. Identificati gli autori

MESSINA – Una dottoressa del Policlinico di Messina è stata aggredita ieri sera dai familiari di un paziente Covid ai quali aveva spiegato che era impossibile entrare nel reparto considerate le norme anti-contagio.

Secondo le testimonianze, il medico è stato preso a calci e pugni e le percosse sono continuate mentre era a terra. Quattro persone sono state identificate dalla polizia. La dottoressa si è fatta medicare al Pronto Soccorso, ha presentato denuncia e oggi è tornata a lavoro.


Il rettore dell’ateneo messinese, Salvatore Cuzzocrea, ha espresso solidarietà “Alla collega dell’unità di Medicina d’Urgenza e ai colleghi del Pronto Soccorso aggrediti in maniera fisica e verbale al Policlinico”.

L’amministrazione universitaria – dice una nota – ribadisce altresì la sua vicinanza a tutto il personale, medici, infermieri e amministrativi, che giornalmente nell’Azienda ospedaliera, in questa fase delicata della pandemia, è impegnato in prima linea a garantire i servizi e le cure all’utenza“.

Vero è che quanto accaduto non è direttamente riconducibile all’emergenza Covid, ma occorre anche notare, con dispiacere, come il contesto attuale e le difficoltà indotte dalla pandemia molte volte ingenerino la proposizione di osservazioni sterili, se non fuorvianti, e che in ogni caso tendono ad ingenerare nell’opinione pubblica una visione deteriore della maggiore struttura ospedaliera della nostra città, i cui operatori, pur tra mille difficoltà, non diversamente da quanto avviene nel resto del Paese, prestano la loro opera con professionalità, spirito di dedizione e sacrificio”.

Foto di repertorio