Italia in zona arancione, cosa si può fare oggi: dai negozi aperti agli spostamenti

Italia in zona arancione, cosa si può fare oggi: dai negozi aperti agli spostamenti

ITALIA – Ultimo giorno di zona arancione per l’Italia riguardo al Decreto Natale emanato dal premier Giuseppe Conte prima delle festività natalizie, ormai giunte al termine, per contenere l’emergenza da Coronavirus.

L’Italia appunto ritorna oggi, per un solo giorno, in zona arancione. Da domani, 5 gennaio e per il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, ritorneremo nuovamente zona rossa. Ma vediamo nel dettaglio e ricordiamoci cosa oggi si può e non si può fare.


zona arancione

Dai bar ai ristoranti: cosa è consentito?

I ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, consentita dalle 5 alle 22, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario, ma che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

È consentito entrare o restare all’interno di bar, ristoranti (pub, gelaterie, pasticcerie…), se è sospeso il consumo di cibi al loro interno?

Nelle aree o negli orari in cui è sospeso il consumo di cibi e bevande all’interno dei locali, l’ingresso e la permanenza negli stessi da parte dei clienti sono consentiti esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto e sempre nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio. Non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali.

Si possono consegnare e montare i mobili o gli oggetti acquistati prima dell’introduzione delle restrizioni al commercio?

Sì, le vendite di mobili avvenute in negozio prima delle restrizioni, che non si fossero ancora concluse con la consegna e il montaggio, possono assimilarsi alle vendite a distanza.

È consentito raggiungere le concessionarie di autoveicoli per effettuare assistenza del veicolo, acquistare un veicolo, consegnare un veicolo da rottamare, fare test drive, etc.?

Sì.

È possibile effettuare consegne di prodotti, alimentari e non, anche fuori dal Comune in cui si trova il punto vendita?

Sì, è possibile effettuare consegne anche fuori dal proprio Comune, trattandosi di ragioni lavorative.

Devo acquistare un bene durevole (ad esempio un’automobile, una cucina, una cameretta, una scrivania, etc.) di una certa marca che non è disponibile nel mio Comune. Posso recarmi in un altro Comune per fare i miei acquisti?

Sì, laddove il proprio Comune non disponga di appositi punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati.

zona arancione

Riguardo a tutti gli altri spostamenti, invece, cliccate qui per leggere tutte le risposte alle vostre domande.

Immagine di repertorio