Covid Italia: scuola in presenza, in sicurezza e senza Dad ma con l’obbligo vaccinale

Covid Italia: scuola in presenza, in sicurezza e senza Dad ma con l’obbligo vaccinale

ITALIA – Nel Bel paese si pensa già a come sarà il ritorno in classe a settembre, dove per la seconda volta ci si ritroverà in compagnia del Covid che ormai ci accompagna da oltre un anno e mezzo.

Dopo i vari dibattiti a cui abbiamo assistito negli ultimi periodi, tra fautori della didattica a distanza e sostenitori del ritorno in presenza, sembra emergere da parte dei vertici l’intenzione di far tornare tutti in classe. Un obiettivo che sarebbe realizzabile puntando tutto sulle vaccinazioni per una maggiore sicurezza sotto il profilo sanitario: motivo per cui tra le ultime ipotesi spiccherebbe quella dell’obbligo vaccinale, rivolto in particolar modo ai docenti e al personale scolastico.


Il tutto viene evidenziato dalle parole del Ministro della Salute, Roberto Speranza, che è intervenuto a “Controcorrente“, la nuova trasmissione di Rete 4 in prima serata. Il politico ha affermato: “Nelle prossime ore valuteremo quale sarà lo strumento più efficace per far tornare tutti a scuola in presenza, in sicurezza e senza Dad”.

Lo stesso ha poi aggiunto: “Stiamo valutando e nessuna ipotesi è esclusa, ci impegneremo, perché la scuola è una priorità”. Un tema, quello dell’obbligo vaccinale, che rimarrà sotto i riflettori nei prossimi giorni e, a tal proposito, stando a quanto appreso dall’Adnkronos a breve sarebbe prevista una nuova riunione della cabina di regia per discutere dell’argomento in questione.

Ciò si ricollega alla questione Green Pass, il certificato verde che già dal prossimo 6 agosto diventerà obbligatorio per usufruire di diversi servizi e che, a questo punto, potrebbe diventare indispensabile anche nelle strutture scolastiche.

Immagine di repertorio