Coronavirus Italia, la decisione del Cts: “Seconda dose Pfizer o Moderna per under 60”

Coronavirus Italia, la decisione del Cts: “Seconda dose Pfizer o Moderna per under 60”

ITALIA – È arrivata la decisione del Comitato tecnico scientifico sullo stop alla somministrazione di AstraZeneca come vaccino anti Coronavirus per gli under 60.

L’annuncio è arrivato nel pomeriggio di oggi, durante una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il ministro della Salute, Roberto Speranza, il commissario straordinario Francesco Figliuolo, il coordinatore del Cts, Franco Locatelli e il portavoce del Cts, Silvio Brusaferro.


Il farmaco resta raccomandato per tutti i soggetti over 60, così come era stato già annunciato nelle scorse ore dal ministro della Salute Speranza.

Il parere del Cts arriva dopo la discussione maturata nei giorni passati riguardo i presunti effetti collaterali connessi al vaccino anglo-svedese e, in particolare, all’indomani del decesso della 18enne Camilla Canepa, deceduta dopo aver assunto AstraZeneca lo scorso 25 maggio in occasione dell’open day in Liguria.

Già ieri, a tal proposito, la Sicilia aveva deciso per lo stop alla somministrazione di AstraZeneca agli under 60.

Stabilita, inoltre, la possibilità di sottoporre a una seconda dose di vaccino differente a rMNA (Pfizer o Moderna) tutti quei soggetti under 60 che hanno già ricevuto il vaccino AstraZeneca.

Immagine di repertorio