Succede a Siracusa e provincia: 24 agosto MATTINA

Succede a Siracusa e provincia: 24 agosto MATTINA

SIRACUSA – Ecco le operazioni condotte dai carabinieri a Siracusa e provincia:


  • i carabinieri del comando provinciale di Siracusa hanno controllato 191 veicoli e oltre 320 persone. Sono state 55 le contravvenzioni a carico di utenti della strada, per un importo complessivo di 23mila euro, e le violazioni più frequenti sono state la mancanza di copertura assicurativa per la responsabilità civile, la guida senza patente o con patente scaduta di validità, la mancata esibizione dei documenti di circolazione e/o di guida, il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, il mancato uso del casco protettivo e la guida di mezzo con revisione periodica scaduta. In un caso è avvenuto il mancato rispetto del semaforo rosso. Infine, nel corso delle attività sono stati controllati 93 soggetti sottoposti a misure limitative della libertà personale (arrestati domiciliari e sorvegliati speciali) e sono stati segnalati alla competente autorità amministrativa 5 assuntori di sostanze stupefacenti;


  • i carabinieri della Stazione di Melilli, nel corso dei servizi mirati alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, hanno arrestato Rosario Vinci, 28enne disoccupato, per spaccio di sostanze stupefacenti. I militari osservando uno strano viavai che proveniva dalla sua abitazione, hanno effettuato una perquisizione all’appartamento, ritrovando 3 grammi di cocaina suddivisa in 6 dosi, che l’uomo aveva abilmente nascosto all’interno di una zuccheriera posta nella cucina, e 120 euro perché ritenuti guadagno dell’attività di spaccio. La somma di denaro e la droga sono state sequestrate e la seconda verrà analizzata dal Laboratorio Analisi delle Sostanze Stupefacenti per attestarne il principio attivo. Nel corso dell’attività è stato segnalato all’autorità amministrativa, quale assuntore di sostanza stupefacente, un 38enne per aver acquistato una dose per uso personale. Il 28enne, dopo le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione, come disposto dall’autorità giudiziaria aretusea.