Servizio antidroga, Antonino Stassi lancia cocaina dal finestrino dell’auto e finisce nuovamente in manette

Servizio antidroga, Antonino Stassi lancia cocaina dal finestrino dell’auto e finisce nuovamente in manette

MARSALA – Nella notte di lunedì scorso, i carabinieri della Compagnia di Marsala (TP), hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il 22enne marsalese Antonino Stassi.


Nello specifico, una pattuglia della Stazione di Petrosino impegnata in un servizio antidroga, giunta in Contrada Cuore di Gesù, ha notato un’utilitaria di colore blu a bordo della quale – come passeggero – vi era lo Stassi, già arrestato lo scorso 26 ottobre dai militari dell’Arma a seguito di una perquisizione domiciliare che consentì di rinvenire nella sua abitazione 1 chilo di marijuana e 13 grammi di cocaina suddivisa in dosi.


Lo Stassi, in particolare, accortosi della presenza della pattuglia, temendo verosimilmente un nuovo controllo, ha lasciato cadere dal finestrino lato passeggero due piccoli involucri in cellophane che – una volta recuperati – sono risultati essere dosi di cocaina. I carabinieri, quindi, hanno bloccato immediatamente l’auto procedendo alla perquisizione personale degli occupanti. Sempre nelle tasche dei pantaloni dello Stassi, sono stati rinvenuti 80 euro in banconote di piccolo taglio, verosimile provento dell’attività di spaccio.


Estendendo la perquisizione all’abitazione del 22enne marsalese, i militari dell’Arma hanno trovato, altresì, circa 20 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, un bilancino di precisione ed una rubrica telefonica su cui erano appuntati nominativi e cifre, utilizzata probabilmente dallo Stassi per annotare i ricavi della cessione dello stupefacente.



Condotto nella caserma Silvio Mirarchi di Marsala, al termine delle formalità di rito, il giovane marsalese è stato dichiarato in stato di arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Il giudice del Tribunale Lilybetano, all’esito del rito direttissimo tenutosi nella mattinata di lunedì, condividendo l’operato dei militari dell’Arma, ha convalidato l’arresto dello Stassi senza l’applicazione di misure cautelari in quanto già sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a seguito dell’arresto del 26 ottobre.