Consegna il cibo nel quartiere e viene aggredito. Paura per rider: “Stop a consegne nella zona”

Consegna il cibo nel quartiere e viene aggredito. Paura per rider: “Stop a consegne nella zona”

PALERMO – Grave episodio di violenza all’interno del quartiere Zen, a Palermo. Un rider della società Zangaloro Meat Factory, impegnata nelle consegne a domicilio di cibo, sarebbe stato aggredito per motivi sconosciuti.

L’ha riferito la stessa catena di ristoranti attraverso la propria pagina Facebook. Una vicenda grave per principio, ancor di più per il periodo in cui si trova la Sicilia, l’Italia e il mondo intero, con i rider che rappresentano una di quelle categorie di lavoratori impegnate a effettuare consegne ed entrare in contatto con la gente per paghe irrisorie in una situazione di emergenza.


A causa dell’increscioso episodio la ditta Zangaloro ha fatto sapere che “al fine di salvaguardare l’incolumità dei nostri collaboratori, siamo costretti a sospendere le consegne a domicilio nel quartiere Zen“. Una scelta discutibile, ma allo stesso tempo comprensibile visto il pericolo che corrono al momento i rider stando semplicemente all’aperto.

Sotto al post comunque sono arrivati diversi commenti di solidarietà e di distanziamento da quanto accaduto, anche da alcuni abitanti dello stesso Zen. Come Andrea, che ha scritto: “Io abito allo Zen ma non sono un delinquente. Prendo le distanze da questo vile atto. Massima solidarietà al ragazzo. Questo comportamento deve essere punito. In nessuna situazione, tanto meno in questa situazione difficile si può accettare tale comportamento. Spero che Zangaloro denunci e che le forze dell’ordine facciano giustizia e che gli autori paghino per questo vile atto“.



Fonte immagine Sardiniapost.it