Comitato d’affari nel mirino della Guardia di Finanza: sequestrati 3 immobili al manager Giacchetto

Comitato d’affari nel mirino della Guardia di Finanza: sequestrati 3 immobili al manager Giacchetto

MARINA DI SALINA – La Guardia di Finanza di Palermo ha dato esecuzione a un decreto, emesso dalla Procura, di sequestro preventivo nei confronti di Faustino Giacchetto, dei tre figli e di Gioacchino Imburgia.


Nello specifico, il congelamento dei beni riguarda tre immobili siti a Santa Maria di Salina (Eolie), frutto di operazioni di riciclaggio.


Il manager della comunicazione, già destinatario di misure cautelari disposte nel 2013, è stato soggetto delle indagini svolte dalle Fiamme Gialle su un comitato di affari che, attraverso un sistema collaudato di corruzione di esponenti politici e funzionari pubblici, si sarebbe accaparrato illecitamente fondi pubblici.


Il comitato, diretto dallo stesso Giacchetto, sarebbe stato composto da numerosi imprenditori e professionisti che sarebbero riusciti a manipolare l’andamento di gare pubbliche.



I beni posti sotto sequestro avrebbero un valore di 850mila euro, messi a reddito con finalità turistica. Gioacchino sarebbe ritenuto responsabile del reato di autoriciclaggio, mentre le altre persone coinvolte sarebbero chiamate a rispondere del reato di riciclaggio.

Immagine di repertorio