Operazioni antidroga a Catania, beccato minorenne col kit del “perfetto spacciatore” in via Capo Passero

Operazioni antidroga a Catania, beccato minorenne col kit del “perfetto spacciatore” in via Capo Passero

CATANIA – I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato un minorenne catanese nella flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Nel corso della loro attività info investigativa i militari avevano già acquisito notizie sul suo coinvolgimento in attività di spaccio di droga e, a seguito dei numerosi servizi di avvistamento effettuati, lo avevano notato dotato del kit delperfetto spacciatore” (costituito dall’immancabile tracolla contenente di norma dosi, soldi e radio portatile) aggirarsi tra le palazzine della purtroppo tristemente nota via Capo Passero.


Convinti del suo coinvolgimento nello spaccio, i militari hanno predisposto un servizio per coglierlo in “azione”, occasione che si è rivelata propizia nella mattinata in quanto, mentre transitavano la via, hanno visto il minore affiancarsi ad una Fiat 500 allungando qualcosa nelle mani del conducente.

Immediato lo scatto dei militari che hanno inseguito il giovane che ha invece tentato la fuga invano inerpicandosi sulla rampa di scale di una palazzina. Nella circostanza è stato bloccato dai militari che all’interno della tracolla hanno rinvenuto 45 dosi di marijuana già confezionate per la vendita al dettaglio, per un totale di 70 grammi complessivi, la somma di 220 euro ritenuta provento dell’attività di spaccio, nonché l’immancabile ricetrasmittente per le “comunicazioni di servizio” con le vedette di supporto che, stavolta, a nulla è servita per sfuggire ai carabinieri.

Il minore è stato accompagnato nel Centro di Prima Accoglienza di via Franchetti e, all’esito dell’udienza di convalida, è stato collocato in una Comunità su disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Sempre nella provincia di Catania, nel contesto di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Caltagirone, i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Palagonia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura degli arresti domiciliari, emessa dal GIP del Tribunale di Caltagirone, arrestando un 44enne di Palagonia gravemente indiziato dei reati di produzione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

L’attività scaturisce da una precedente operazione eseguita in maniera estemporanea dagli stessi carabinieri il 13 luglio scorso, quando è stato individuato un appezzamento di terreno situato in Contrada Campanito di Palagonia destinato alla coltivazione di canapa indiana.

All’alba dello stesso giorno i militari hanno così fatto ingresso all’interno del fondo agricolo di circa 3 ettari, coltivato ad agrumi e di proprietà del suddetto indiziato, scoprendo ben presto che tra gli aranci, parzialmente occultate da alcune recinzioni a maglia stretta per celarne la vista a distanza, si trovavano numerosi filari di piante di cannabis indica di altezza fino a 160 cm circa, singolarmente assistite da un impianto di irrigazione a goccia.

All’interno dell’appezzamento, inoltre, hanno constatato la presenza di due capannoni di cui uno dotato di impianto di videosorveglianza, pertanto si sono pazientemente nascosti tra la vegetazione al fine di cogliere sul fatto i responsabili dell’illecita coltivazione.

L’attesa si è protratta per circa 2 ore, sino a quando un 29enne, immediatamente riconosciuto dai carabinieri, fratello minore dell’odierno arrestato, ha fatto il suo ingresso a bordo di un furgone preoccupandosi immediatamente dopo di saggiare la crescita in altezza e consistenza delle piante.

L’uomo è stato bloccato e, utilizzando le chiavi dei lucchetti dei due capannoni trovate all’interno del furgone, i militari ne hanno perquisito i locali rinvenendo 3 serreindoor” dotate di impianto di ventilazione, lampade per il calore e timer, una tenda adibita a zona d’essiccazione della droga contenente al suo interno un calorifero ed un ventilatore, ma anche vari contenitori pieni di marijuana già pronta per lo stoccaggio per un totale complessivo già essiccato di quasi 11,5 kg, mentre la piantagione, invece, è risultata essere composta da ben 947 piante.

I militari hanno anche notato la presenza di un cavo elettrico collegato abusivamente alla rete pubblica, grazie al quale i due fratelli avevano azzerato i costi in bolletta massimizzando gli introiti derivanti dalla lavorazione e dalla successiva vendita della droga.

Il grave quadro indiziario emerso ha così permesso al GIP di emettere per il fratello maggiore la misura cautelare degli arresti domiciliari, mentre per il fratello minore, arrestato in flagranza di reato dai carabinieri, ad avvenuta convalida è stata applicata la misura dell’obbligo di dimora nel comune di residenza e dell’obbligo di presentazione giornaliera alla polizia giudiziaria.