Femminicidio Vanessa Zappalà, restituito ai familiari il corpo di Tony Sciuto. Si cerca l’arma del delitto

Femminicidio Vanessa Zappalà, restituito ai familiari il corpo di Tony Sciuto. Si cerca l’arma del delitto

CATANIA – Il corpo di Antonino ‘Tony‘ Sciuto, il 38enne che si è suicidato, impiccandosi, dopo avere ucciso con sette colpi di pistola alla testa la sua ex fidanzata, Vanessa Zappalà, è stato restituito ai familiari.

Il nulla osta è stato concesso dalla Procura distrettuale di Catania dopo che il medico legale ha concluso l’ispezione cadaverica ed eseguito lo stub sull’uomo alla ricerca di presenze di polvere da sparo sul corpo, e in particolare sulle mani.


I magistrati titolari dell’inchiesta hanno invece confermato l’autopsia su Vanessa.

I carabinieri del comando provinciale di Catania stanno continuando le indagini per trovare l’arma del delitto, una pistola calibro 7,65, e capire come Sciuto ne sia entrato in possesso. Si cerca anche di capire come sapesse degli spostamenti di Vanessa: un chiarimento potrebbe venire dall’esame del cellulare della vittima.

Sciuto per anni ha lavorato in un’impresa che si occupava di telefonia e potrebbe avere utilizzato la sua esperienza per sapere sempre dove la sua ex si trovasse. Oppure, più semplicemente, la pedinava costantemente, così come raccontato dal padre della 26enne.

Fonte foto Ansa