Caos a Catania, Policlinico e Asp presi d’assalto dopo il caso positivo del 17enne. Liberti: “Dovete restare a casa”

Caos a Catania, Policlinico e Asp presi d’assalto dopo il caso positivo del 17enne. Liberti: “Dovete restare a casa”

CATANIA – Dopo la notizia del 17enne risultato positivo al virus, a Catania sembra essersi diffusa la psicosi.


Nelle ultime ore le sedi dell’ospedale Policlinico e dell’Asp di Catania sarebbero state prese d’assalto da persone che vorrebbero essere sottoposte allo screening.

Un comportamento dettato solo dal panico che rischia di bloccare il lavoro dei professionisti della sanità catanese, già sottoposti a una mole di lavoro superiore a quella ordinaria.


Sulla questione è intervenuto ai nostri microfoni il commissario per l’emergenza Coronavirus dell’Asp di Catania, Giuseppe Liberti: “L’unica cosa da fare è non farsi prendere dal panico e rimanere a casa. Chi crede di essere stato in contatto con un positivo deve chiamare i numeri dell’Asp e, in base alle indicazioni fornite, i medici sapranno indicare la procedura più idonea per ognuno“.

Inoltre, va ricordato che fare il test nei giorni immediatamente successivi a un ipotetico contatto con una persona positiva è inutile, considerato il fatto che i tempi di incubazione sono più lunghi.

Ciò che resta da fare è rimanere in casa e rivolgersi telefonicamente all’Asp contattando i seguenti numeri:

  • 095 2540152
  • 095 2540153
  • 095 2540227
  • 338 3526194

Immagine di repertorio