Addestramento 41 stormo Sigonella: tra gli scenari terrorismo e migrazioni

Addestramento 41 stormo Sigonella: tra gli scenari terrorismo e migrazioni

CATANIA – È terminata, dopo 21 giorni di intense attività, l’esercitazione annuale più importante organizzata e gestita dello Stato Maggiore Difesa denominata “Joint Stars 2019”. Un velivolo P-72A insieme ad equipaggi di volo, manutentori e personale logistico del 41° Stormo di Sigonella si sono rischierati dal 10 al 31 maggio presso l’aeroporto militare di Decimomannu, in provincia di Cagliari .

Gli equipaggi hanno effettuato numerose missioni complesse, sia di giorno che di notte, con altri assetti operativi delle varie forze armate e corpi dello stato. Le attività erano finalizzate a testate e migliorare il livello interoperabilità dei vari assetti.

Al Distinguished Visitor Day (DVD) di Decimomannu, che ha di fatto sancito il termine dell’esercitazione, hanno partecipato, alla presenza del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, e del capo di Stato Maggiore della Difesa Generale, Enzo Vecciarelli, i vertici delle forze armate e della Guardia di Finanza.



Il ministro della Difesa ha precisato come per essere ”sicuri” è necessario vigilare con costanza ed essere pronti a ogni evenienza e affinchè ciò sia possibile è necessario che la Difesa cooperi con le altre amminstrazioni e le compagine internazionale. “Abbiamo voluto, in tal modo, conferire alla Joint Stars un carattere spiccatamente inter-agenzia, inteso cioè a testare e a sviluppare una efficace capacità di intervento, anche in un quadro di cooperazione sinergica con altre articolazioni dello Stato”, ha detto il ministro Trenta.

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella è dotato di velivoli P-72A con i quali garantisce la propria missione primaria che consiste nel contrastare la minaccia navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio, mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali potenzialmente ostili.

Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell’ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale e il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d’immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo la copertura di ampie zone di mare, con l’eventuale localizzazione di profughi in mare e l’allertamento degli organi preposti, compreso un primo intervento Search and Rescue (SAR) in caso di sinistro marittimo o naufragio.