Zafferana Etnea, il racconto di Lino Zani della sua amicizia con Papa Wojtyla

ZAFFERANA ETNEA – “Ho conosciuto Karol Wojtyla nel luglio del 1984 sull’Adamello – così ha iniziato il suo racconto Lino Zani, maestro di sci del Papa -.I miei genitori gestivano il rifugio della Lobbia Alta sul ghiacciaio. Un giorno abbiamo ricevuto la visita di quattro sacerdoti polacchi. Non sapevamo che uno era l’assistente personale del Papa. Il posto gli piacque molto, lo reputò adatto per le vacanze del pontefice. Ho frequentato il Santo Padre per 21 anni e lo consideravo un amico. Sciava benissimo e amava moltissimo la montagna. Sulla sua santità non ho avuto dubbi sin dal primo incontro. Non potrò mai dimenticare che pregava per ore seduto su un sasso, in silenzio assoluto, come se il tempo si fosse fermato”.

L’occasione del racconto, nella sala consiliare del municipio di Zafferana Etnea, gremita, la presentazione del libro “Era santo, era uomo – Il volto privato di papa Wojtyla” (Mondadori) scritto da Lino Zani.

L’autore, in un clima di grande commozione, è stato introdotto dalla giornalista Grazia Calanna (direttore responsabile della rivista culturale l’EstroVerso): “Lino Zani, maestro di sci e alpinista, consulente ministeriale in materia di montagna, dal 1984 è stato compagno di sciate, amico e confidente di Karol Woytjla. Con il Santo Padre Zani ha condiviso parentesi di vita attiva e contemplativa, solitaria e intensa, ma sempre intrisa della personalità di un uomo che ha scosso molte coscienze in tutto il mondo”.

“Per lungo tempo Zani, – ha aggiunto Grazia Calanna – ha custodito i ricordi di quella esperienza, in un silenzio che si scioglie nelle pagine del libro che ci accingiamo a presentare. Ringrazio, oltreché l’amministrazione comunale nella persona dell’assessora alla cultura Angela Di Bella che ha partecipato all’incontro dandoci ospitalità, il fotografo Massimiliano Russotto il quale con palpabile entusiasmo e grande affetto per il proprio maestro di sci, Lino Zani, appunto, ha curato l’organizzazione di questo evento culturale ideato nel segno della condivisione, della fede e della testimonianza”.

La serata si è conclusa, dopo gli interventi del pubblico che ha posto diverse domande, con la proiezione del filmato ‘Non avere paura’ tratto dalla fiction andata in onda su Rai1 nel giorno della canonizzazione del Pontefice.

Nel ruolo di San Giovanni Paolo II l’attore russo Aleksei Guskov, Giorgio Pasetti interpreta Lino Zani mentre Katia Ricciarelli la madre e Claudia Pandolfi la compagna.

“Una storia singolare e commovente il cui fascino è racchiuso nelle pagine di questo bellissimo libro – ha concluso Zani ringraziando Massimiliano Russotto per l’organizzazione e il pubblico intervenuto -. Una vicenda intimista, un’amicizia che ha raggiunto le altitudini della spiritualità oltre quelle delle vette innevate dove è nata e si è rinforzata”.

Commenti