Dalla Colombia alla Sicilia, smascherato traffico internazionale di cocaina: 14 arresti

Dalla Colombia alla Sicilia, smascherato traffico internazionale di cocaina: 14 arresti

MESSINA – Un traffico internazionale di cocaina lungo l’asse Colombia-Italia è stato sgominato dalla guardia di Finanza di Messina.

Disarticolata un’organizzazione siciliana con base a Milano che acquistava gli stupefacenti direttamente dai cartelli colombiani.

Quattordici gli arresti. Un quindicesimo soggetto è finito in manette in flagranza, in quanto nella sua abitazione è stata rinvenuta della sostanza stupefacente.

L’operazione Holiday prende il nome dal termine in codice (“vacanza”) utilizzato dal messinese G.A. (alias “Ginger”), ritenuto elemento di spicco del gruppo criminale, quando doveva recarsi in Sud America per organizzare le spedizioni di cocaina.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto, Sebastiano Ardita, e dal sostituto, Fabrizio Monaco, hanno permesso d’individuare in G.A. “un vero e proprio intermediario” che, “nell’ambito del clan, teneva i rapporti con i cartelli colombiani, pagava i carichi con il denaro che gli perveniva dall’Italia, e curava il trasporto della droga”. 

Se la cocaina, del valore di 500 mila euro, fosse arrivata in Italia sarebbe stata destinata in parte al Nord Italia, in parte al Centro dove Bellinghieri era vicino al boss Carmine Fasciani e al Sud tramite Vincenzo Torrisi, nipote del boss Benedetto Santapaola.  Agli indagati sono stati sequestrati anche beni per un valore di 250 mila euro.

Ecco i nomi degli arrestati: Angelo Gangemi, 50 anni, Giuseppe Bellinghieri, 75, Natale Aiello, 60, Leonardo Di Lella, 57, Salvatore Senia, 53, Vincenzo Torrisi, 54, Franco Proietto, 63, Vittorio Ghezzi, 45,Oronzo Tornese, 70. Ai domiciliari Mario Morgante, 29 anni e Marco La Torre 30 anni. Arrestato in flagranza Giovanni Lucchese, 35 anni,

Commenti