Piantagione di cannabis nascosta nel canneto, i militari la “fiutano”: avrebbe fruttato almeno 80mila euro

Piantagione di cannabis nascosta nel canneto, i militari la “fiutano”: avrebbe fruttato almeno 80mila euro

TRAPANI – I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Castelvetrano, all’esito di una mirata e scrupolosa attività di perlustrazione avviata nel corso della notte, hanno individuato, nell’agro del Comune di Salemi, una piantagione di cannabis indica.

La coltura, abilmente occultata all’interno di un fitto canneto e insistente su un impervio appezzamento di terreno caratterizzato dalla presenza di fitta vegetazione, interessava un totale di 32 piante di circa 3 metri, tutte giunte a fioritura e, pertanto, pronte per essere sottoposte alla successiva fase di deumidificazione.


L’attività trae origine da rituale ricognizione di volo effettuata dalla Sezione Aerea di Palermo, la quale, sotto il coordinamento del Reparto Operativo Aeronavale del capoluogo siciliano, specie nel periodo estivo, svolge un articolato monitoraggio del territorio, sottoponendo ad attenta osservazione siti con particolare affinità all’attività di coltivazione illecita di cannabis e segnalando le aree sospette individuate ai Reparti del Corpo territorialmente competenti, per i conseguenti approfondimenti investigativi.

La segnalazione giunta dalla componente aerea palermitana, ha consentito il rintraccio della piantagione, dove sono stati rinvenuti vari attrezzi agricoli, nonché un rudimentale sistema di irrigazione collegato ad un attiguo torrente.

Le piante, una volta essiccate, avrebbero consentito un’ingente produzione di marijuana, sostanza illegale che, immessa nelle piazze di spaccio, avrebbe prodotto un profitto pari ad almeno 80mila euro. I finanzieri, all’esito dell’intervento, hanno proceduto all’estirpazione delle piante di canapa indiana, sottoponendo a sequestro penale sia gli arbusti che gli utensili rinvenuti sul luogo delle operazioni, posti a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Le indagini delle Fiamme Gialle sono ancora in corso di esecuzione, al fine di accertare l’identità dei responsabili dell’attività illecita.