Il processo di digitalizzazione dei casinò online raggiunge il suo apice

Il processo di digitalizzazione dei casinò online raggiunge il suo apice

La pandemia da Covid-19 ha favorito l’esplosione dai casinò`online in Italia. Chiusure, divieti, restrizioni e limitazioni hanno portato dunque gli utenti a concentrarsi sul gambling a distanza. Il tutto è stato ancor di più favorito dalle innovazioni tecnologiche, dagli smartphone e dalla crescente popolarità delle piattaforme di gambling. Insomma, il processo di digitalizzazione dei migliori casinò online in Italia sembra esser giunto alla sua definitiva conclusione.

Il 2021, dove l’emergenza sanitaria, nonostante qualche piccolo passo verso la normalità, l’ha fatta da padrone, è stato dunque un anno estremamente importante e fondamentale sotto molto punti di vista per la filiera del gioco. Il settore ha modificato il modo di approciarsi ai consumatori, non solo con l’implementazione di nuovi tecnologie come l’intelligenza artificiale e il machine learning, ma anche tramite l’applicazione di nuove strategie marketing omnichannel per far aumentare il bacino di utenza. Da non sottovalutare anche il ruolo svolto da Youtube e Twitch, che hanno permesso alla generazione Z di conoscere più approfonditamente le slot online recensite da gamers e influencers popolari su queste piattaforme streaming.


A spiegare e a fare chiarezza su quanto accaduto è stato l’head of business development Europe Arcangelo Lonoce. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di Gioconews: “La performance del mercato italiano è stata influenzata da tutto quello che abbiamo attraversato quest’anno. Tutto il retail è stato forzatamente chiuso durante le limitazioni che ci sono state nel 2021. Gli eventi sportivo sono però andati avanti, a differenza di quanto è accaduto all’inizio della pandemia, quindi nel 2020. Per questo motivo Habanero, noto brand del settore delle slot e dei table games a distanza, ha registrato un picco significativo, con il primo trimestre dell’anno in corso che è diventato il miglior trimestre dal punto di vista dei risultati e di quanto raccolto”.

Insomma, si può dire che, nonostante le difficoltà, per gli operatori del settore del gioco d’azzardo questo sia stato un anno comunque con delle soddisfazioni e anche con qualche successo. E questo perché, come ha spiegato lo stesso Lonoce, sono state instaurate numerose partnership tra brand e popolari stakeholders del settore, che permetteranno, a partire dai prossimi mesi, di allargare ulteriormente il proprio campo d’azione e la propria fetta di pubblico. E la sensazione, che somiglia sempre più a una certezza, è che l’online acquisti una fetta sempre più maggiore all’interno della complesa filiera del gioco legale. E non potrebbe essere altrimenti, visti i tempi che si stanno vivendo e le difficoltà a cui sarà sottoposto il sistema del gioco presenziale.