HORNER GATE?  Facciamo chiarezza.

HORNER GATE? Facciamo chiarezza.

QUESTO ARTICOLO FA PARTE DEL CONCORSO DIVENTA GIORNALISTA, RISERVATO AGLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI DELLA PROVINCIA DI CATANIA.

La stagione di formula uno è iniziata con i primi test pre-season del 21-02-2024 a Sakhir in Bahrein e già da prima di essi ci sono stati problemi in casa Redbull racing.

 

Christian Horner, team principal della scuderia Redbull racing , si dice che abbia commesso un grande sbaglio durante la pausa invernale di quest’anno.

Si evince , da vari articoli del 5-02-2024 , della pagina hammertimemagazine , che abbia avuto un comportamento inadeguato nei confronti di una collega all’interno del team.

Il team Redbull racing già da subito, ha iniziato un’indagine accurata sul problema attuale.

Qualche ora dopo , si entra più nel dettaglio del fatto riportato precedentemente, insomma, Christian Horner ,stando agli articoli, ha mandato delle foto “hard” ad una dipendente all’interno team, Redbull racing .

 

Dopo questo ,quanto riportato da Motorsport total , sempre in giornata , il team ha suggerito la dimissione volontaria di Christian Horner come team principal dello stesso team, perché al corrente delle presunte denuncie fatte dalla dipendente al quartier generale di fuschl am See in Austria, ma Christian Horner decide di lottare rifiutando le dimissioni.

 

Tutta questa questione prenderà il nome di “Horner gate “ , e trova conferma anche dal “ Times” , famoso quotidiano inglese, dove la questione risalirebbe ad una settimana prima dell’uscita della prima notizia.

Il 6/02/2024 giungono nuove notizie importanti da Erik van Haren , firma del Telegraaf e giornalista da sempre molto vicino al mondo Red Bull Racing a Max Verstappen.

 

Secondo Erik infatti, le accuse servirebbero per scardinare l’egemonia (parziale o totale) del manager di Leamington,  e affermando che non è stato un caso che il comunicato che ha confermato l’indagine interna sia stato diramato da Redbull Austria .

 

Tra questi spicca Joe Saward che ha sottolineato come, il contratto di Horner e di Adrian Newey siano vicendevolmente protetti, quindi se Horner dovesse lasciare il suo incarico da team principal anche il progettista lascerebbe Milton Keynes.

Qualche giorno dopo abbiamo la conferma che, se nel caso Horner lasciasse il team Newey  gli avrebbe voltato le spalle accogliendo il nuovo principal.

Stando a quanto riportato da Auto Motor und Sport , il possibile verdetto finale sarebbe stato il 9/02/2024 perché in tale data erano stati programmati gli interrogatori e tutte le analisi del caso.

Dalle analisi fatte, ne sono uscite varie speculazioni,  il The sun ha affermato che non ci fossero foto compromettenti, ma solo un comportamento aggressivo da parte di Horner nei confronti dello stesso team, comunque con ciò c’è sempre un grande punto interrogativo sul verdetto finale.

Notiamo anche che, Horner, continua ad essere presente nello shakedown e nella presentazione della nuova monoposto, affermando che, nonostante tutte le problematiche che ci sono e sono state, resterà come team principal, negando le accuse.

Capolinea per Horner ?

Non ancora, Horner ha deciso di sospendere la dipendente, accompagnata da un  ‘’risarcimento danni’’ di un milione di euro, 700.000 euro direttamente dalle tasche di Horner e le restanti 300.000 euro dalla scuderia stessa, mettendo così a tacere la notizia.

Di certo Joe Verstappen, padre del 3 volte campione del mondo, non è indifferente alla notizia, infatti annuncia che se non se ne fosse andato Horner, lui avrebbe fatto leva per allontanare il figlio della scuderia, ma Max smentisce il padre dicendo che, per lui contano le performance che erano e sono presenti, quindi non trovava il motivo di lasciarla.

C’erano anche delle notizie sul fatto, che la donna dell’accaduto sarebbe stata l’amante di Joe , così si spiegherebbe l’accanimento verso Horner, ma su questo non abbiamo fonti certe.

In tutto questo Horner perde anche l’appoggio della famiglia thailandese Yoovidhya , che detiene il 51% di Red Bull Racing , a causa dei continui appelli di boicottaggio nel mercato statunitense verso Red Bull.

È davvero finita per Horner?

NO, Horner dopo un po’ di tempo e ulteriori analisi, ha vinto la causa.

Horner avrà un potere, ancora più grande di quello che aveva prima , in cui può prendere decisioni senza il bisogno di confrontarsi con l’azienda stessa.

Sarà la fine per Max e Newey?

Non si sa ancora, seguiranno aggiornamenti.

 

Chiarenza Erica 4^A, Istituto G. Verga – Adrano (CT)

 

VOTA L'ARTICOLO DA 1 A 5 STELLE:

Clicca su una stella per votare!

Voto medio 4.5 / 5. Conteggio dei voti: 128

Finora nessun voto! Sii il primo a votare questo articolo.