La sconfitta delle “Vespe” pesa, il Catania riapre i giochi: le sfide da qui alla fine - Newsicilia

La sconfitta delle “Vespe” pesa, il Catania riapre i giochi: le sfide da qui alla fine

La sconfitta delle “Vespe” pesa, il Catania riapre i giochi: le sfide da qui alla fine

Juve Stabia, Catania e Trapani. Sono queste le tre candidate principali per la promozione diretta in Serie B, che con la vittoria dei rossazzurri sugli stabiesi (domenica scorsa) non è più indiscutibile.

La prima sconfitta in campionato dei campani, infatti, è stata più pesante del previsto: perdendo anche Trapani e Catanzaro, quest’ultima si è allontanata in maniera importante dalla vetta, perdendo sei punti in due giornate dal Catania, mentre i granata sono crollati a Francavilla Fontana per 4-1, avvicinati sempre dai rossazzurri. 



La classifica ora recita: Juve Stabia 63, Trapani 61, Catania 57. Da attribuire i tre punti a tavolino del Matera alla capolista, così come gli etnei dovranno recuperare ad aprile la gara contro la Viterbese. Il distacco, quindi, potrebbe essere di sei punti: invariato, come adesso.

Sembrava impossibile parlarne sole poche giornate fa, ma adesso Trapani e Catania si giocano la promozione diretta. Entrambe dovranno riposare e c’è ancora un determinante Juve Stabia-Trapani da disputare. Cosa ci aspetta in questo rush finale?


Gli uomini di mister Walter Novellino, subentrato al posto di Andrea Sottil, hanno cambiato completamente faccia nel gioco e nell’interpretazione della partita: a dimostrarlo sono i 7 punti in 3 partite, con le due ultime vittorie consecutive pesantissime contro le prime della classe (Catanzaro e Juve Stabia). Il Catania è la squadra più in forma delle tre.

È un dato di fatto: la Juve Stabia, prima di perdere con i siciliani, aveva agguantato nel finale la sfida interna contro la Cavese, terminata 2-2, e nelle ultime sei partite aveva pareggiato quattro volte. Le altre, nel frattempo, recuperavano punti. 

Soprattutto il Trapani che, mentre gli stabiesi andavano a rilento, nello stesso arco di tempo ne ha vinte quattro su sei (compresa la gara a tavolino con il Matera). 

Nel prossimo turno, vale a dire questa domenica, i granata riposano, il Catania viene accolto da un’ostica Reggina e la Juve Stabia ospita il Rieti di mister Eziolino Capuano, galvanizzato dalla vittoria sul Catanzaro. Le restanti giornate dicono che, sulla carta, nessuno ha un calendario semplice.

32/a giornata: Reggina-Catania, Juve Stabia-Rieti. Il Trapani riposa.

33/a giornata: Bisceglie-Juve Stabia, Trapani-Viterbese. Il Catania riposa.

34/a giornata: Catania-Bisceglie, Juve Stabia-Trapani.

35/a giornata: V. Francavilla-Catania, S. Leonzio-Juve Stabia, Trapani-Potenza.

36/a giornata: Catania-S. Leonzio, Juve Stabia-Vibonese, Rende-Trapani.

37/a giornata: Cavese-Catania, Trapani-Paganese. Tre punti a tavolino per la Juve Stabia (vs Matera).

38/a giornata: Catania-Rieti, Catanzaro-Trapani, Juve Stabia-V. Francavilla.

Oltre allo scontro diretto contro il Trapani, la Juve Stabia ha le potenzialità per fare filotto. Ma, visti gli ultimi risultati, tutte le squadre sono in lotta per un obiettivo e quindi sottovalutare qualcuno significa già partire con una rete di svantaggio.

Ci sono tre trasferte ostiche per il Catania: Reggio Calabria, Francavilla Fontana, e Cava de’ Tirreni. Difficili ma non impossibili. Bisceglie, Sicula Leonzio e Rieti in casa sono gare da non sbagliare.

Il Trapani è decisamente messo peggio: Juve Stabia e Catanzaro ancora da affrontare ed entrambe Fuori casa. Complicata anche la trasferta di Rende, non sono clienti facili nemmeno Viterbese e Potenza, da affrontare in casa.

Fabio Caserta, Vincenzo Italiano e Walter Novellino: Juve Stabia, Trapani e Catania. A chi la promozione diretta in Serie B?

Immagine di: Corriere dello Sport

Per rimanere sempre aggiornato scarica la nostra app.