Incendio su una nave con ferito e sversamento in mare di idrocarburi: simulazione al porto di Augusta

Incendio su una nave con ferito e sversamento in mare di idrocarburi: simulazione al porto di Augusta

AUGUSTA – La Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Augusta ha organizzato una simulazione con finalità addestrativa effettuata, nel porto Megarese, con l’obiettivo di stimolare il costante mantenimento in assetto di un ottimale livello di operatività dei soggetti preposti alla sicurezza portuale.

In particolare, è stato simulato il verificarsi di un’emergenza, consistente nello scoppio di un incendio a bordo della motocisterna Punta rossa, messa a disposizione della società Ciane Anapo, che si trovava alla fonda nel porto Megarese, in un punto di ancoraggio indicato dalla Corporazione piloti, con sversamento di idrocarburi in mare e il ferimento di un soggetto.


Il rimorchiatore Capo Boeo, della Società rimorchiatori di Augusta, ha provveduto a domare il rogo con i monitori di bordo, mentre i mezzi Why not 21, Supergabbiano 10 e Supergabbiano 5, e Recoil 4°, delle ditte disinquinanti Snad, Ternullo e Patania hanno proceduto a contenere l’avvenuto inquinamento, con il posizionamento di panne galleggianti.

Nel contempo, è stato effettuato il trasbordo simulato di un ferito dalla motocisterna Punta rossa alla motovedetta CP 2204 della Guardia Costiera, che si è diretta alla banchina della Capitaneria di porto dove ad attenderla c’era un’ambulanza della Misericordia.

L’esercitazione, ben riuscita, ha consentito di testare i tempi di approntamento dei vari soggetti coinvolti, e il risultato è stato pienamente soddisfacente, spiega la Capitaneria.