Prosegue l’eruzione del vulcano Cumbre Vieja, nube in arrivo anche in Sicilia: la PREVISIONE del satellite

Prosegue l’eruzione del vulcano Cumbre Vieja, nube in arrivo anche in Sicilia: la PREVISIONE del satellite

SICILIA – Prosegue senza sosta la grande eruzione vulcanica iniziata il 19 settembre sull’isola di La Palma, nelle Canarie, da parte del vulcano Cumbre Vieja.

Nelle ultime ore, infatti, l’attività eruttiva si è nuovamente intensificata, con l’apertura di una nuova bocca sul fianco del cono vulcanico già attivo.


Dal vulcano, che non eruttava dall’ottobre del 1971, è attualmente in corso una copiosa espulsione di lava seguita dalla fuoriuscita di un’enorme nube di anidrite solforosa SO2, gas tossico che ha già raggiunto le coste della Spagna e dell’Africa occidentale.

Proprio in queste ore il grande accumulo di polveri e gas ha raggiunto il mar Mediterraneo, portandosi sulle coste della Francia e dell’Italia.

Tra le aree del nostro Paese destinate a essere toccate dalla nube vi è anche la Sicilia, abituata a convivere con le “bizze” dell’Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa.

A ipotizzarlo è il servizio di monitoraggio atmosferico di Copernicus (CAMS) dell’Unione Europea che, attraverso i propri satelliti, ha realizzato una mappa del possibile passaggio della cenere sul territorio continentale.

Fortunatamente, gli effetti dell’eruzione del Cumbre Vieja sulla nostra isola saranno marginali. Polveri e gas arriveranno in Sicilia soltanto in quantità marginali e non in grado di costituire pericolo per la salute umana.

Fonte foto: Twitter – Copernicus ECMWF