Zona arancione in Sicilia, ecco le restrizioni per i Comuni interessati: l’ordinanza di Musumeci

Zona arancione in Sicilia, ecco le restrizioni per i Comuni interessati: l’ordinanza di Musumeci

SICILIA – Nuovi aggiornamenti sul fronte Covid in Sicilia che si colora in parte di arancione con l’inasprimento delle misure restrittive in nuovi Comuni. Il tutto scaturisce dalla firma dell’ultima ordinanza da parte del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

A passare dalla zona gialla a quella arancione (da domani fino al 14 settembre) sono otto comuni della provincia di Siracusa e uno della provincia di Enna: Augusta, Avola, Pachino, Noto, Portopalo di Capo Passero, Rosolini, Ferla, Francofonte, in provincia di Siracusa, e Catenanuova (Enna).


Ma quali sono le regole in vigore in zona arancione? Stando a quanto viene riportato nell’ordinanza del governatore siciliano, ecco i dettagli.

Zona arancione, le regole in vigore

Bar e ristoranti: dall’1 settembre è consentita allaperto l’attività di ristorazione e di somministrazione di alimenti e bevande. Al chiuso invece il servizio e il consumo al tavolo sarà consentito soltanto a coloro dotati di certificato verde (Green Pass) o esenti sulla base di idonea certificazione medica.

Il limite massimo di commensali al tavolo è pari a quattro persone, con deroga per i conviventi. Inoltre, è consentita la vendita di cibi e bevande da asporto, non solo a coloro dotati di Green Pass, ma anche a chi ne è attualmente sprovvisto. Sempre consentito il domicilio.

Immagine di repertorio