Sicilia in zona arancione, l’Isola “prigioniera” dei no-vax: cambio di colore inevitabile per boom ricoveri

Sicilia in zona arancione, l’Isola “prigioniera” dei no-vax: cambio di colore inevitabile per boom ricoveri

SICILIA – È arrivata nel pomeriggio di oggi la firma del ministro della Salute Roberto Speranza sull’ordinanza che sancisce il passaggio della Sicilia in zona arancione.

Il cambiamento di colore era stato già annunciato nelle scorse ore dal governatore Nello Musumeci, il quale ha sottolineato le responsabilità dei no-vax, i quali continuano a riempire le Terapie Intensive dell’Isola.


Un esempio lampante è quanto registrato in questi giorni all’ospedale “Cervello” di Palermo, con la struttura ormai al collasso.

Soltanto la scorsa settimana la stessa Sicilia si era “salvata” dal passaggio in arancione, con Speranza che aveva deciso per il mantenimento in zona gialla. Adesso, però, la mutazione è divenuta inevitabile.

Oltre al territorio siciliano, il ministro della Salute ha disposto dei cambiamenti di colore anche per altre regioni.

Alla luce dei dati raccolti durante il monitoraggio settimanale, infatti, sono divenuti necessari anche i passaggi in arancione di Abruzzo, Friuli Venezia Giulia e Piemonte.

Sarà zona gialla, invece, per la Puglia e la Sardegna. Il passaggio nelle varie zone entrerà in vigore a partire da lunedì 24 gennaio.

Immagine di repertorio