Covid Sicilia, impennata di contagi dopo cenoni di Natale “irregolari”. Costa: “Non si possono tenere più comportamenti sconsiderati”

Covid Sicilia, impennata di contagi dopo cenoni di Natale “irregolari”. Costa: “Non si possono tenere più comportamenti sconsiderati”

SICILIA – Renato Costa, commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 a Palermo, ha spiegato che l’impennata di contagi in Sicilia è dovuta al fatto che, per le festività natalizie, non si sono rispettate le misure contenitive, permettendo al virus di circolare in modo spropositato.

Tantissimi, infatti, i cenoni per Natale e Capodanno organizzati senza osservare le regole in vigore, il coprifuoco, il distanziamento e il numero massimo di ospiti consentiti.


Se da un lato c’è la negligenza di alcuni (forse troppi) siciliani, dall’altro il Servizio Sanitario Nazionale sta rispondendo bene, all’altezza della situazione, secondo Costa. Certo è che è necessario correre ai ripari quanto prima: ecco perché Musumeci ha richiesto al Governo nazionale la zona rossa per l’intera Isola, già a partire da domani.

Alla Fiera del Mediterrano di Palermo, dove si effettua un gran numero di tamponi, si è arrivati ad un tasso di positività pari al 9/10 per cento, sottolinea Costa.

Se si fanno le cene con 30-40 persone come ci raccontano i siciliani che vengono a fare il test in Fiera, non si può frenare la pandemia perché nessuno può controllare nelle case. Abbiamo quindi bisogno che la gente capisca che non si possono più tenere comportamenti sconsiderati, soprattutto adesso che abbiamo a disposizione il vaccino“, spiega.

Fonte immagine: Metropolitan Magazine