Covid e scuola, stop alla sospensione delle attività didattiche: Razza e Lagalla contro le ordinanze dei sindaci

Covid e scuola, stop alla sospensione delle attività didattiche: Razza e Lagalla contro le ordinanze dei sindaci

SICILIA – Stop alla sospensione dell’attività didattica disposta dai sindaci: necessario il parere vincolante dell’Asp. Razza e Lagalla sottoscrivono un’ordinanza contro la chiusura delle scuole basata sul “mero contagio della positività tra la popolazione generale”.

Scuole chiuse in Sicilia, si aggiunge l’ordinanza di un altro sindaco: “Ancora qualcuno che non ha capito o non vuole capire la gravità del problema”

Il Coronavirus ha messo a dura prova la resistenza di politici, governatori e amministratori locali che, da quando è scoppiata la pandemia, hanno messo in campo una serie di manovre per tamponare i contagi all’interno dei territori da loro amministrati.


Se durante la prima ondata la gestione dell’emergenza è stata risolta con il lockdown totale, dalla seconda fase in poi i presidenti delle Regioni e i sindaci hanno avuto maggiore margine di manovra, incorrendo però in errori.

Troppi casi Covid, nuova ordinanza per un comune siciliano: scuole chiuse fino al 2 febbraio 

È il caso della gestione delle scuole, di cui spesso i sindaci siciliani hanno disposto la chiusura, pur non essendo un atto di loro competenza. Per questo motivo l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, e Roberto Lagalla, assessore regionale all’Istruzione, sono intervenuti con un’ordinanza che ponga un limite a tale sospensione che rischia di provocare danni agli studenti e dispersione scolastica.

I sindaci, infatti, non possono interrompere le attività didattiche senza il parere dell’Asp circa la situazione epidemiologica del Comune.

Immagine di repertorio