Covid e mix di vaccini dopo sospensione AstraZeneca, Razza contro De Luca: “Bisogna affidarsi alla scienza”

Covid e mix di vaccini dopo sospensione AstraZeneca, Razza contro De Luca: “Bisogna affidarsi alla scienza”

SICILIA – L’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, a Catania, si è espresso contro il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che ha vietato il vaccino AstraZeneca per tutti.

Dissento dal Presidente De Luca, sempre prodigo di buone azioni ma in questo caso, sulla comunicazione deve prevalere la scienza. La politica non ha competenza per dire se e quali vaccini utilizzare“, ha dichiarato.


Nei giorni scorsi, infatti, la Campania ha annunciato la sua intenzione di non somministrare ai cittadini il mix di vaccini, ma di procedere solo con gli altri.

De Luca sul punto: “Noi proseguiremo con la campagna di somministrazione di vaccino Pfizer e Moderna, abbiamo sospeso le somministrazioni di altri vaccini che hanno determinato eventi preoccupanti, e abbiamo deciso di non fare la seconda dose con vaccini Pfizer a chi ha fatto come prima dose Astrazeneca“.

A chi ha fatto Astrazeneca sopra i 60 anni non c’è problema faremo il richiamo con Astrazeneca, perché non hanno avuto problemi con la prima dose. Per chi è sotto i 60 anni avremo una linea di maggiore prudenza, perché la somministrazione di vaccini diversi non ha avuto sul piano internazionale una sperimentazione ampia. Tranne che per cittadini che sono al quarto mese perché non farlo ora significa annullare la vaccinazione“, ha puntualizzato.

Di diverso avviso è Ruggero Razza: “Il vaccino AstraZeneca è stato utilizzato in maniera massiva nel Regno Unito e sapete tutti quale impatto ha avuto per l’abbassamento dell’epidemia e sui livelli di ospedalizzazione. Bisogna affidarsi alla scienza. Nelle prossime ore invece chiederò personalmente a tutti i professionisti che operano nel territorio delle nostre province di scendere in campo con il loro volto e il loro camice perché quando si trattano temi di salute, la politica deve fare un piccolo passo indietro e la scienza ha il dovere di fare un grande passo avanti“, conclude.

Fonte immagine Facebook – Ruggero Razza