Università di Catania, al via 18 corsi di dottorato per 134 posti disponibili

Università di Catania, al via 18 corsi di dottorato per 134 posti disponibili

CATANIA – Diciotto corsi di dottorato (di cui 7 internazionali), per 134 posti disponibili. È questa l’offerta formativa del 35° ciclo (anno accademico 2019-20) dei corsi di dottorato dell’Università di Catania, il cui bando è stato pubblicato sul portale www.unict.it.

In particolare, sono stati banditi 114 posti con borse di studio (del valore di 15.343 euro annui lordi ciascuna), finanziati da fondi d’Ateneo, Regione Siciliana, PON Ricerca & Innovazione 2014/2020, Miur, fondi europei o di altri atenei o enti partner e 20 senza borsa.



Sono 9 i settori coinvolti: Medicina e Chirurgia (con 3 corsi); Agraria (1 corso); Scienze matematiche, fisiche e naturali (5 corsi); Ingegneria industriale e dell’informazione (1 corso); Giurisprudenza (1 corso); Ingegneria e Architettura (1 corso); Scienze della Formazione (1 corso); Lettere e Lingue (2 corsi); Scienze politiche e sociali (1 corso). A questi si aggiungono 2 corsi interdisciplinari.

Dei 18 corsi, 3 hanno accesso per soli titoli:


  • Basic and Applied Biomedical Sciences (settore Medicina e Chirurgia – Internazionale, sede consociata: Università di Creta; 5 posti);
  • Informatica (settore Scienze matematiche, fisiche, naturali – Internazionale, sede consociata: University of Herfordshire; 10 posti);
  • Ingegneria dei sistemi, energetica, informatica e delle telecomunicazioni (settore Ingegneria industriale e dell’Informazione; 12 posti).

Sono 3 anche i corsi con accesso per titoli, prova scritta e colloquio:

  • Fisica (settore Scienze matematiche, fisiche, naturali; 8 posti +1 riservato a studenti laureati in università estere);
  • Giurisprudenza (settore Giurisprudenza-Internazionale, sede consociata: Università di Castilla-La Mancha; 7 posti) ;
  • Valutazione e mitigazione dei rischi urbani e territoriali (settore Ingegneria e Architettura; 8 posti +2).

Gli ultimi 12, invece, hanno accesso per titoli e colloquio:

  • Agricultural, Food, and Environmental Science (settore Agraria – Internazionale, sede consociata: Università Tecnica di Lisbona; 5 posti);
  • Biomedicina traslazionale (settore Medicina e Chirurgia – Internazionale, sede consociata: Università di Granada; 5 posti);
  • Biotecnologie (settore interdisciplinare; 7 posti);
  • Neuroscienze (settore Medicina e Chirurgia – Internazionale, sede consociata: Università di Bordeaux; 5 posti);
  • Processi formativi, modelli teorico-trasformativi e metodi di ricerca applicati al territorio (settore Scienze della Formazione; 7 posti); Scienza dei materiali e Nanotecnologie (settore Scienze matematiche, fisiche, naturali; 12 posti);
  • Scienze chimiche (settore Scienze matematiche, fisiche, naturali – Internazionale, sede consociata: Università di Goteborg; 5 posti);
  • Scienze dell’Interpretazione (settore Lettere e Lingue; 7 posti);
  • Scienze della Terra e dell’ambiente (settore Scienze matematiche, fisiche, naturali; 7 posti);
  • Scienze per il patrimonio e per la produzione culturale (settore Lettere e Lingue; 7 posti);
  • Scienze politiche (settore Scienze politiche e sociali; 7 posti);
  • Sistemi complessi per le Scienze fisiche, socio-economiche e della vita (settore interdisciplinare; 6 posti +1).

Le domande di partecipazione alle selezioni vanno presentate online entro le 12 di mercoledì 7 agosto,  accedendo al Portale Studenti.  Possono partecipare tutti i laureati di vecchio ordinamento, di nuovo ordinamento in possesso di laurea magistrale (o specialistica) o in possesso di un titolo accademico conseguito all’estero e riconosciuto idoneo.

Possono partecipare “con riserva” anche gli studenti iscritti all’ultimo anno di un corso di laurea magistrale, purché si impegnino a laurearsi entro il 31 ottobre e a produrre la documentazione entro il 6 novembre.