San Gregorio, studenti alla ricerca di piante aromatiche

San Gregorio, studenti alla ricerca di piante aromatiche

SAN GREGORIO – Alla ricerca di piante officinali e aromatiche direttamente sul campo. Per 11 studenti del corso di laurea in Scienze Erboristiche e dei prodotti nutraceutici dell’Università di Catania l’occasione di approfondire quanto appreso sui libri è stata offerta dal Cutgana (centro di ricerca ed ente gestore di aree protette dell’Ateneo di Catania diretto da Giovanni Signorello) grazie alla Riserva naturale integrale “Complesso Immacolatelle e Micio Conti” di San Gregorio ed Aci Castello.

Accompagnati dal docente universitario Pio Giuseppe Benintende e guidati dalle esperte del Cutgana, Emilia Musumeci e Natalia Leonardi, gli studenti hanno visitato l’epigeo della riserva naturale alla ricerca delle piante officinali e aromatiche che crescono spontaneamente all’interno dei 70 ettari dell’area protetta che si estende tra il territorio di San Gregorio ed Aci Castello.

Nel corso della visita gli studenti hanno riconosciuto specie tipiche della flora che costituiscono la macchia mediterranea come l’Olivastro (Olea europea), il Terebinto (Pistacia terebintus) l’Euforbia arborescente (Euphorbia dendroides) ricostruendo la classificazione scientifica ed il legame culturale, terapeutico e di uso comune delle piante con le popolazioni locali.

I giovani studenti, inoltre, hanno visitato anche la grotta Micio Conti che fa parte del sistema di otto grotte vulcaniche che costituiscono la Rni Complesso Immacolatelle e Micio Conti e che si distendono per una lunghezza complessiva di 1,5 chilometri sulla collina di Aci Castello e San Gregorio di particolare importanza per le peculiarità naturalistiche, archeologiche e storiche.

Commenti