Specificità della rianimazione pediatrica

Specificità della rianimazione pediatrica

Giuseppe_Ettore

Nell’ambito pediatrico, l’introduzione delle tecniche di rianimazione ha condizionato il passaggio da una pediatria “individualista” ad una pediatria d’équipe. La Rianimazione Pediatrica quindi oggi ha l’ambizione di comprendere tutti gli aspetti acuti della patologia pediatrica, grazie ad una solida formazione teorica e pratica di pediatria generale in un tutt’uno con il bagaglio tecnico scientifico dell’anestesia e rianimazione, con il concorso di un apparato tecnico affidabile e di un’ampia rete di specialisti e consulenti. Il bambino non è un modello ridotto dell’adulto: ha una fisiologia propria variabile nel tempo, una farmacologia ed una psicologia caratteristiche: in nome dell’efficacia, della sicurezza e dell’umanizzazione dell’assistenza, richiede un ambiente dedicato, medici esperti nella sua cura e nelle sue particolarità.

Oggi sono riconosciute ai rianimatori pediatrici:
1) la presa in carico di quella fascia d’età che va dai 30 giorni (non più di competenza dei neonatologi) ai 16 anni;
2) l’applicazione delle tecniche di rianimazione alle urgenze vitali dei bimbi anche di basso peso ma superiori ai 30 giorni;
3) le cure perioperatorie in chirurgia neonatale/pediatrica specialistica e cardiochirurgia;
4) il trattamento delle insufficienze renali acute;
5) di quelle cardiologiche;
6) la messa a punto delle tecniche di nutrizione artificiale;
7) le cure primarie la stabilizzazione ed il trasporto nelle varie urgenze vitali pediatriche;
8) la presa in carico delle urgenze infettivologiche, immunologiche, ematologiche ed oncologiche.

La Rianimazione Pediatrica è una sorta di servizio centrale con obbligo di integrazione con il circuito a monte (Ostetrici, Pronto Soccorso Pediatrico, Servizio di chirurgia specialistica (Pediatrica – Toracica – ORL – Neurochirurgia – Cardiochirurgia, Pediatri generalisti) e il circuito a valle (hub and spoke) e servizio di trasporto (SUES 118).
La Rianimazione Pediatrica affronta oggi patologie che le sono proprie; ne consegue la necessità di conoscere la medicina generale dei bambini di ogni età. I suoi progressi dipendono largamente dai progressi della tecnologia e dalla lungimiranza delle Istituzioni nella programmazione sia del numero dei posti letto in relazione al fabbisogno del territorio, sia delle risorse necessarie in termini di medici ed infermieri formati per la disciplina, onde mettere in pratica un programma efficace di cura, prevenzione e profilassi delle infezioni nosocomiali, per i piccoli pazienti che diventano ogni giorno più numerosi.

Al giorno d’oggi la Rianimazione Pediatrica, in considerazione dell’ampia fascia d’età di cui ha competenza, soffre di una carenza cronica di posti letto (in atto operativi in Sicilia: 8 posti a Palermo – 2 posti a Catania – 3 posti a Messina) e di sviluppo futuro.  Dal punto di vista organizzativo, la crisi di vocazione, la politica delle Scuole di Specializzazione, ed il lungo training scientifico-tecnico specifico in tale ambito, condizionano una grave carenza di organico medico, che rende inoltre difficile l’attività di ricerca.

La Rianimazione Pediatrica Dell’ARNAS Garibaldi (unica realtà autonoma nella Sicilia Orientale, inserita nella TIPNET Nazionale, con formazione specialistica che risale al 2005) dispone di 2 posti letto autorizzati, che dovranno diventare 4, secondo il nuovo piano di rete ospedaliera;
attualmente tale struttura ha in organico 5 medici + un responsabile, garantisce una guardia h/24 e si occupa di tutti i servizi in area critica pediatrica di tipo medico e chirurgico.

Essa rappresenta un esempio unico di best practice nell’interland catanese, rispondendo alle necessità del territorio, attraverso la disponibilità al 118, e alle esigenze del P.Soccorso pediatrico del presidio ospedaliero, che fa in media 40.000 accessi all’anno.
Garantisce di fatto un processo assistenziale coordinato, in una corretta logica in cui le unità operative sono integrate in uno scambio continuo di azione e di informazione, per la migliore assistenza e cura dei piccoli pazienti della provincia di Catania e delle province limitrofe.

Con la collaborazione del dr. Giuseppe Ferlazzo
Responsabile Rianimazione Pediatrica – Dipartimento Materno Infantile – ARNAS Garibaldi

Commenti