Quanto incide il metabolismo materno nel peso fetale

Quanto incide il metabolismo materno nel peso fetale

Il peso medio alla nascita dei bambini nati negli Stati Uniti è aumentato negli Stati Uniti negli ultimi 20 anni. Un più alto peso alla nascita (≥4000 g) è associato a traiettorie di crescita alterate che predispongono i neonati all’obesità e alle patologie cardio-metaboliche associate nel corso della loro vita.

L’approvvigionamento di energia intrauterina è considerato il più forte predittore della crescita fetale e, in eccesso, porta ad un aumento del peso del bambino e della macrosomia.




Il controllo metabolico materno, definito come controllo dei livelli circolanti di zuccheri e lipidi nel sangue, è un importante fattore determinante dell’energia fornita al feto. Qualsiasi perdita nel controllo metabolico porta a un aumento dell’approvvigionamento energetico e della crescita eccessiva del feto. È importante sottolineare che anche la massa corporea materna è fortemente e positivamente correlata al peso alla nascita e all’adiposità della prole. In particolare, le madri sovrappeso o obese (OW / OB) hanno maggiori probabilità di fornire neonati più grandi. Si ritiene che questa relazione sia una funzione del ridotto controllo metabolico materno che porta ad un aumento della disponibilità di energia fetale e ai successivi neonati con peso alla nascita. Attualmente, quasi il 50% delle donne in età riproduttiva sono OW / OB in quanto tali, l’esplorazione di fattori che possono consentire a queste donne di controllare la quantità di energia nutritiva fornita al feto è fondamentale per salute della sua progenie.

Tra le popolazioni non gravide, prove scientifiche considerevoli dimostrano che l’attività fisica materna e l’idoneità cardiorespiratoria mostrano effetti protettivi su diversi esiti di salute cardio-metabolica. Ciò è conseguente al miglioramento della salute metabolica (ad es., Sensibilità all’insulina, smaltimento di glucosio e lipidi) attraverso adattamenti all‘attività fisica materna abituale. In particolare, questi effetti forti persistono in presenza di adiposità in eccesso. Questo risultato suggerisce che l’aumento della prevalenza degli effetti avversi sulla salute cardiovascolare tra le persone OW / OB potrebbe non essere il risultato dell’eccesso di adiposità in sé. Abbiamo precedentemente affermato che questo stesso fenomeno funziona durante la gravidanza, per cui i livelli più bassi di attività fisica materna e l’idoneità cardiorespiratoria in gravidanza, specialmente tra le donne OW / OB aumentano l’apporto energetico e danno luogo a un neonato più grande.

Pertanto, lo scopo generale di questo studio era di indagare le relazioni tra attività fisica materna e l’idoneità cardiorespiratoria nel periodo prenatale e in correlazione al peso alla nascita.