Reati di natura predatoria, il Questore di Ragusa emette diversi provvedimenti: coinvolti anche due catanesi

Reati di natura predatoria, il Questore di Ragusa emette diversi provvedimenti: coinvolti anche due catanesi

RAGUSA – Nell’ambito dell’attività amministrativa di competenza dell’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, nelle ultime settimane la Divisione Anticrimine della Questura ha notificato diversi provvedimenti relativi a misure di prevenzione, emessi dal Questore di Ragusa nei confronti di soggetti di Vittoria, Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Ispica, Catania e Modica.

In particolare, nel contesto dell’attività di Polizia, finalizzata a prevenire i reati di natura predatoria, due soggetti, uno di Vittoria e l’altro di Chiaramonte Gulfi, sono stati sottoposti all’Avviso Orale del Questore. Il provvedimento, scaturito delle indagini svolte dal Commissariato di Vittoria e dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, è stato notificato a due soggetti, più volte segnalati all’autorità giudiziaria per vari reati, tra cui furto, ricettazione, lesioni, etc. che, con l’Avviso Orale, sono stati formalmente “invitati” a tenere una condotta conforme alla Legge, con l’avvertenza che in caso contrario potranno essere sottoposti misure di prevenzione maggiormente limitative della libertà personale.


Nell’ambito delle attività tese a prevenire i reati di natura predatoria, sono stati emessi due Divieti di Ritorno nel comune di Ispica, della durata di tre anni, nei confronti di due catanesi gravati da numerosi precedenti di polizia, arrestati nei mesi scorsi per tentato furto.

Inoltre, il Questore di Ragusa ha emesso due provvedimenti di D.A.S.P.O (Divieto di Accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive) per la durata di un anno nei confronti di due soggetti, di cui un minorenne, appartenenti alla tifoseria della squadra di calcio “Città di Ispica 2020”, che in occasione dell’incontro di calcio disputatosi a Ragusa lo scorso 6 marzo nello stadio comunale di Ragusa, contro la squadra di casa “Ragusa Calcio 1949”, avevano furtivamente introdotto e nascosto all’interno dello stadio dei fumogeni, accendendoli dagli spalti della tribuna durante la partita. Grazie all’attività sinergica svolta dalla Digos e dalla Polizia Scientifica, attraverso
l’analisi delle immagini delle videoriprese eseguite durante la partita, a distanza di qualche giorno, i due tifosi della squadra ispicese sono stati identificati ed anche denunciati alla Procura della Repubblica del Tribunale di Ragusa, per possesso di artifizi pirotecnici in occasione di manifestazioni sportive.

Altresì, è stato emesso un D.A.C.U.R. (daspo urbano) per la durata di un anno, nei confronti di un soggetto di Modica che aveva danneggiato un locale pubblico, minacciando il titolare e procurandogli lesioni personali. A seguito del provvedimento del Questore, al soggetto è stato fatto divieto di accedere a pubblici esercizi o locali di pubblico trattenimento, nonché di stazionare nelle immediate vicinanze degli stessi ubicati in una specifica area del comune di Modica.

Infine, nei confronti di due soggetti di Vittoria che si sono resi responsabili in varie occasioni di reati in ambito familiare, è stata avanzata proposta di applicazione della sorveglianza speciale all’autorità giudiziaria competente per territorio.

Foto di repertorio