Giustizia per Alessio e Simone D’Antonio, un Flashmob a Vittoria per “scuotere” le coscienze

Giustizia per Alessio e Simone D’Antonio, un Flashmob a Vittoria per “scuotere” le coscienze

VITTORIA – L’11 luglio 2019 è stata una data da dimenticare per il comune di Vittoria e la Sicilia in generale. Un evento che ha tolto la vita a due bambini, i cugini D’Antonio, ad opera di un Suv condotto da Rosario Greco in compagnia di Rosario Fiore, quest’ultimo accusato di omissione di soccorso e condannato a sei mesi di reclusione, pena sospesa.

Greco, invece, è già stato scarcerato e per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari tra la rabbia e la disapprovazione da parte dei familiari delle vittime.


Domani, 15 giugno, in piazza Ferdinando Ricca (nella Basilica San Giovanni Battista) a Vittoria, tutta la società civile si riunirà in un silenzioso Flashmob per gridare “Giustizia per Alessio e Simone”, seguendo i promotori dell’Associazione Vittoria in Cammino.

La scarcerazione e gli arresti domiciliari di Rosario Greco, responsabile della cruenta morte dei cuginetti Alessio e Simone D’Antonio, è qualcosa di doloroso per tutti i cittadini che credono nella giustizia, venuta a mancare in casi come questi.

La partecipazione in massa sarà momento di riflessione, gli adulti in maglietta nera a significare la rabbia, i bambini in maglietta bianca per dare un segnale forte di una “Giusta Giustizia”.

Foto di repertorio