In Sicilia rientra l'allarme siccità: aumentati i volumi d'acqua nelle dighe grazie alle piogge di marzo

In Sicilia rientra l’allarme siccità: aumentati i volumi d’acqua nelle dighe grazie alle piogge di marzo

In Sicilia rientra l’allarme siccità: aumentati i volumi d’acqua nelle dighe grazie alle piogge di marzo

PALERMO – In aumento, secondo il report mensile diffuso dall’Autorità bacino istituita dal governo Musumeci, il livello d’acqua negli invasi siciliani.


Le piogge di marzo, dopo un periodo di siccità, sono state quasi in tutti i territori superiori alla media, consentendo così un incremento di volumi disponibili, interessando anche i bacini più importanti ai fini dell’approvvigionamento idro-potabili delle attività irrigue.


Al primo di aprile, le dighe siciliane hanno accumulato 578,33 milioni di metri cubi d’acqua, recuperando quota rispetto a marzo, quando erano fermi a 533,41 metri cubi.

Il livello, per quanto lievemente più basso rispetto all’anno scorso, quando vennero raggiunti 639,96 milioni di metri cubi, ha scongiurato la crisi siccità. Questo perché, spiegano gli esperti, il beneficio delle precipitazioni di marzo non si limita al solo incremento delle riserve ma concerne anche la riduzione del fabbisogno irriguo nel periodo primaverile in quanto i suoli sono portati alla massima capacità idrica.