Miccichè-Musumeci, il governatore torna sullo scontro: “Polemica inutile, sue dichiarazioni non mi toccano”

Miccichè-Musumeci, il governatore torna sullo scontro: “Polemica inutile, sue dichiarazioni non mi toccano”

PALERMO –Per me quella è una polemica inutile, assolutamente. Il presidente del Parlamento ha ritenuto di rilasciare quella intervista, se ne assume le responsabilità, è stato isolato, politicamente contestato – a iniziare dal suo stesso partito – e io non intendo polemizzare, io sono il presidente della Regione eletto dal popolo e continuo a fare il presidente della Regione fino all’ultimo giorno con un impegno a volte sovraumano“.

Lo ha dichiarato stamattina a Radio 24 il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in riferimento alla recente intervista rilasciata al quotidiano La Stampa di Torino dal coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, il quale lo aveva definito un “fascista catanese.


Quando si lavora 18 ore al giorno in una terra nella quale devi stare attento a dove metti i piedi – almeno parlo per un politico che gestisce una Regione di 26 miliardi di bilancio annuo – si può immaginare quanto le polemiche alimentate dal presidente del Parlamento o dal coordinatore di Forza Italia possano toccarmi“, ha aggiunto Musumeci.

Dipende da quale punto di vista vogliamo considerare l’onorevole Miccichè, bisognerebbe chiederlo ai vertici di Forza italia. Per me rimane un riferimento istituzionale, vado avanti e non me ne occupo. Le mie letture, fra quelle preferite, non ci sono le dichiarazioni di Miccichè. Preferisco leggere altre cose“, ha sottolineato il governatore.

Foto di repertorio