Ventesimo anniversario della strage di Nassiriya, Palermo e Monreale in ricordo

Ventesimo anniversario della strage di Nassiriya, Palermo e Monreale in ricordo

PALERMO – Sabato 11 novembre l’Assemblea Regionale Siciliana ricorderà il 20esimo anniversario dell’attentato di Nassiriya.

Anniversario dell’attentato di Nassiriya, il programma

A partire dalle ore 10 al Palazzo dei Normanni, si svolgeranno una serie di iniziative per commemorare, nel migliore dei modi, la “Giornata del ricordo dei Caduti militari e civili nelle missioni internazionali per la pace”.

Nella Cappella Palatina, alle 10,20, sarà celebrata la Santa Messa.

Infine, alle 11,15 in Sala d’Ercole, si svolgerà il concerto d’Ensemble d’Archi dell’Orchestra Sinfonica Siciliana.

Le parole del presidente Ars Gaetano Galvagno

In un momento storico particolare è ancor più doveroso ricordare un episodio che ha segnato la vita del nostro paese. Un vile attentato, una strage di eroi che hanno sacrificato la vita per difendere la libertà e la democrazia. Ancora oggi, in tante travagliate regioni del mondo, ci sono migliaia di militari e civili italiani che rischiano la propria incolumità per assicurare pace e stabilità. A loro, ai caduti di Nassiriya così come di altre missioni internazionali, il nostro pensiero ed un semplice immenso grazie“.

Questo è quanto ha dichiarato il presidente dell’Ars e della fondazione Federico II Gaetano Galvagno, in merito alla giornata di commemorazione di domani.



I siciliani caduti in quel maledetto giorno

Alle ore 10, nel cortile Maqueda, sarà deposta una corona di alloro nella lapide che ricorda la strage del 12 novembre 2003 in Iraq dove persero la vita 28 persone: 19 gli italiani, tra i quali 12 carabinieri, 5 militari dell’Esercito e 2 civili.

Tra di loro anche i siciliani Giovanni Cavallaro, sottotenente, originario di Messina; Alfio Ragazzi, maresciallo aiutante di Messina; Giuseppe Coletta, brigadiere di Avola; Ivan Ghitti, brigadiere di San Fratello; Domenico Intravaia, vice brigadiere di Palermo; Horacio Majorana carabiniere scelto, di Catania; Emanuele Ferraro, caporal maggiore scelto di Carlentini.

Per la commemorazione del 20esimo anniversario dell’attentato di Nassiriya, oltre al presidente dell’Ars Gaetano Galvagno, saranno tra gli altri presenti, il presidente della Regione Renato Schifani, il Generale di Corpo D’Armata Giovanni Truglio, Comandante Interregionale CarabinieriCulqualber“, il Gen. Div. Giuseppe Spina, Comandante della Legione Sicilia e il Generale di Brigata Luciano Magrini comandante del comando provinciale carabinieri di Palermo.

Ventesimo anniversario della strage di Nassiriya a Monreale

Nella giornata di oggi, nel cimitero di Monreale, in occasione del 20esimo Anniversario della strage di Nassiriya, si è tenuto un momento di raccoglimento con la deposizione di un cuscino di fiori alla sepoltura del vice brigadiere Domenico Intravaia, caduto nell’eccidio.

Il Cappellano Militare Don Salvatore Falzone ha recitato una preghiera in suffragio alla presenza del comandante della Legione Sicilia, Generale di Divisione Giuseppe Spina, del comandante provinciale di Palermo, Generale di Brigata Luciano Magrini, del comandante del Gruppo di Monreale, Ten. Col. Giulio Modesti, del sindaco di Monreale, Alberto Arcidiacono e dei familiari del caduto.

La cerimonia al Duomo di Monreale

Successivamente, al Duomo in stile “Arabo-Normanno” di Monreale, al cospetto delle più alte autorità civili e militari, si è tenuta la cerimonia di intitolazione di un “Largo” a Domenico Intravaia; il Generale Magrini ha deposto una corona di fiori ai piedi della targa dedicata al caduto.