Protesta pescatori di Selinunte, ieri l’incontro con Musumeci: programmati tre step di intervento

Protesta pescatori di Selinunte, ieri l’incontro con Musumeci: programmati tre step di intervento

PALERMO – Ieri sera si è svolto un incontro con il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e gli assessori Tony Scilla e Marco Falcone a Palazzo d’Orleans con due pescatori di Selinunte, per decidere il da farsi dopo la protesta.

Si è deciso di attuare tre step di intervento: il primo, di somma urgenza, per dragare il fondale del porto; il secondo riguarda la ripresa dei lavori già appaltati e il terzo rendere esecutivo un nuovo progetto per il porto.


Presenti alla riunione anche i sindaci di Castelvetrano e Partanna, Enzo Alfano e Nicola Catania, l’avvocato Margherita Barraco e il geometra Natale Pompei.

Nel dettaglio, da cinque giorni i pescatori di Selinunte bloccano via del Cantone, proprio all’ingresso del porto della borgata, per il mancato dragaggio del porto che ha ostacolato le loro imbarcazioni.

Gli uffici dell’Assessorato alle infrastrutture dovrebbero attivarsi per definire un provvedimento di somma urgenza e dare l’incarico a una ditta specializzata per il dragaggio.

Questo consentirebbe ai pescatori di poter tornare in mare con le proprie imbarcazioni da pesca. Fissato per lunedì un sopralluogo con i tecnici regionali e l’impresa per la prosecuzione dei lavori già appaltati.

Fonte foto: Ansa.it